In un’epoca in cui le preoccupazioni ecologiche sono sempre più pressanti a causa del cambiamento climatico, l’impatto ambientale degli edifici è sempre più al centro dell’attenzione. Nel caso in cui i property manager stiano costruendo un nuovo edificio o aggiornando uno esistente, un’attenta ricerca e pianificazione può aiutarli a massimizzare il ritorno dell’investimento (ROI), ottimizzare l’energia e migliorare l’efficienza energetica, il ciclo di vita dell’edificio, la sicurezza e il comfort, riducendo al minimo l’impatto sull’ambiente.

Ecco quattro consigli che possono aiutare i property managers e i dirigenti edili a prendere la decisione giuste. È importante tenere conto che la costruzione di un edificio e la sua riqualificazione può condizionare il futuro del nostro pianeta.

Considerare la posizione dell’edificio

Quando si pianifica un progetto ad alta efficienza energetica, la posizione dell’edificio è una delle considerazioni più significative. Anche in caso di ristrutturazioni come porte e finestre, il ROI dipende non solo dal consumo energetico dell’edificio, ma anche dai prezzi dell’energia nell’area in cui è sito l’edificio. La posizione determina anche la vicinanza e l’accesso dell’edificio, come le tecnologie di energia rinnovabile ad esempio il sistema solare passivo e quello delle pompe di calore geotermiche .

Prendete un caso di studio del 2019 di una riqualificazione ad alta efficienza energetica di un edificio per uffici a due piani della fine degli anni ’60 a Vancouver, in Canada: le cifre hanno mostrato che il miglioramento dell’isolamento e della tenuta all’aria ha ridotto il consumo energetico dell’edificio del 45% all’anno con un ROI di 7,7 anni. I ricercatori hanno anche scoperto che l’installazione di collettori solari e pannelli fotovoltaici  potrebbe portare ad un edificio a energia zero con un ROI di 11,6 anni.

Invece, l’aggiornamento dello stesso edificio a Montreal, in Canada, raddoppierebbe quasi il ROI-14,9 anni per l’isolamento e la tenuta all’aria e 22,6 anni per gli aggiornamenti solari. Inoltre, la riduzione del consumo energetico sarebbe inferiore al 39 per cento annuo.

Software di modellazione dell’energia

Rispetto agli edifici tradizionali, i costi di costruzione degli edifici a basso consumo energetico spesso non sono molto più alti dello standard. Per i gestori di immobili, il modo più conveniente per sfruttare al meglio il loro investimento in un edificio potrebbe essere quello di utilizzare un software di modellazione energetica. Inserendo i dettagli dell’edificio esistente o nuovo, come le dimensioni, l’ubicazione, il clima, i materiali da costruzione e i sistemi, il software può prevedere il consumo energetico dell’edificio. La modifica delle variabili aiuta i gestori dell’edificio ad elaborare un progetto che massimizzi il ROI e l’efficienza energetica, pur rimanendo entro i limiti del budget.

Negli ultimi anni, gli sviluppatori di software di tutto il mondo hanno creato una serie di programmi in quanto tali per aiutare i gestori degli edifici a prendere decisioni più consone sul loro uso dell’energia. Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha a disposizione due pacchetti: EnergyPlus e OpenStudio.

Minimizzare i materiali ad alta intensità energetica

I materiali ad alta energia come il cemento, il vetro, il mattone e l’acciaio sono tipicamente utilizzati nel settore edile. Tuttavia, è possibile ridurre l’impatto ambientale di qualsiasi struttura utilizzando materiali alternativi a basso consumo energetico come la pietra, i blocchi di terra-cemento, i blocchi di cemento forato, i blocchi di fango vulcanizzato a vapore e i mattoni di argilla bruciata.

Inoltre, attingere alle pareti leggere e flessibili delle più recenti tecnologie edilizie può anche aiutare i property manager e i dirigenti edili a ridurre drasticamente il consumo energetico. Le pareti a scorrimento possono aumentare l’efficienza energetica mantenendo un efficace separazione termica tra ambiente interno ed esterno.

Enfatizzare l’ingresso

I sistemi di ingresso inefficienti possono mettere a dura prova il consumo energetico di qualsiasi edificio. Una nuova generazione di porte high-tech certificate EPD ridurrebbe significativamente il consumo energetico di tutti gli edifici. Queste tecnologie non solo riducono le emissioni di CO2, ma sono spesso più economiche e durano anche più a lungo.

Anche i property manager potrebbero trarre vantaggio dall’installazione di una barriera d’aria, soprattutto al posto di un vestibolo. Questo riduce al minimo gli spifferi d’aria, aumentando la sicurezza in situazioni di emergenza, tenendo a bada gli insetti volanti e ottimizzando lo spazio. Uno studio ha anche rilevato che un edificio di medie dimensioni con una barriera a lama d’aria ha un consumo energetico annuale significativamente inferiore rispetto a quelli che non lo hanno fatto.

Il risultato finale

Non esiste un unico modo per mantenere un efficiente livello di consumo energetico negli edifici ma è possibile utilizzare un’ampia varietà di tecnologie e materiali che possono aiutare i property manager a determinare il ROI dei loro edifici.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *