«Inizia dove puoi», era il motto dell’architetto di origine afghana Nabeel Hamdi, uno dei pionieri dell’architettura umanitaria negli anni Sessanta. Da allora, molte comunità in tutto il mondo hanno vissuto guerre e disastri naturali.

Tipicamente costruiti in ambienti difficili e con scarse risorse, gli esempi di architettura umanitaria spesso fungono da catalizzatori per fornire rifugio, istruzione, salute e benessere alle comunità.

Anni fa, quando ho detto che gli architetti dovrebbero occuparsi di questioni umanitarie, la gente mi ha riso in faccia. Il design non riguarda solo l’estetica, ma anche la soluzione dei problemi e abbiamo un pianeta afflitto da problemi.

Cameron Sinclair, co-fondatore di Architetti per l’umanità

Dagli anni Sessanta, molti architetti hanno utilizzato le loro competenze per affrontare problemi devastanti e urgenti. I cinque esempi di architettura umanitaria che seguono esemplificano come gli edifici e il design sollevano le comunità bisognose in modo dignitoso, pratico ed esteticamente piacevole.

Un centro di accoglienza innovativo in Germania

La guerra scoppiata in Siria nel 2011 ha causato lo sfollamento di oltre 6 milioni di persone, di cui mezzo milione ha chiesto asilo in Germania. Almeno 12.000 di loro si sono stabiliti in un campo fuori dalla città di Mannheim, nella Germania sud-occidentale.

Lavorando con 25 profughi, 18 studenti di architettura dell‘Università di Kaiserslautern hanno costruito un centro per rifugiati in legno a graticcio all’interno di questo campo.

«I rifugiati sono ben forniti dello stretto necessario, ma l’area circostante è piuttosto desolata e priva di spazi comuni di qualità», hanno detto gli studenti architetti. Lo splendido complesso in legno, con pareti in legno lamellare incrociato e giochi d’ombre, soddisfa ora parte di queste esigenze.

Un centro per il cancro dei bambini in Ruanda

Il tasso di guarigione dei tumori infantili supera oggi l’80% in alcune economie avanzate; ma negli anni ’60 era del 10%. Tuttavia, la mancanza di accesso a strutture sanitarie adeguate può significare che ci sono asimmetrie globali: Più dell’80% dei bambini affetti da cancro nei paesi più poveri muoiono.

Tuttavia, le strutture sanitarie all’avanguardia come Butaro Cancer Center of Excellence in Ruanda sono pronte a riscrivere questa narrazione e ad affrontare il «divario globale del cancro».

Progettato da MASS Group, questo ospedale porta un trattamento antitumorale all’avanguardia ed economico ad alcuni dei bambini più poveri del mondo e delle comunità meno assistite.

Un orfanotrofio culturalmente sensibile in Iran

Oltre a rispondere ad alcuni bisogni urgenti, i buoni esempi di architettura umanitaria devono essere culturalmente sensibili per massimizzare il loro impatto.

Lo studio ZAV Architects di Teheran, in collaborazione con l’organizzazione non-profit Habitat for Orphan Girls, ha realizzato esattamente quello con un centro residenziale per ragazze vulnerabili, recentemente ultimato.

L’orfanotrofio ha vinto nel 2018 il premio «Architectural House Awards». Attraverso balconi richiudibili e tetti curvi verso l’interno, offre un ambiente sicuro e accogliente alle ragazze tra i 7 e i 16 anni per imparare, giocare e crescere.

Una cattedrale di cartone in Nuova Zelanda

Nel 2011, un violento terremoto ha colpito Christchurch, la seconda grande città della Nuova Zelanda, uccidendo 181 persone. Il disastro ha devastato anche il centro della città, distruggendo molti degli edifici storici come l’iconica cattedrale di Christchurch.

Per riempire gli animi della città e soddisfare l’esigenza di un luogo di incontro e di culto pubblico, Shigeru Ban, un architetto giapponese famoso per il suo lavoro con la carta, costruì rapidamente la Cattedrale di cartone.

Il risultato è sorprendente ma semplice: La struttura a-frame di 98 tubi di cartone di uguali dimensioni e otto container in acciaio per la spedizione serve ora il pubblico fino a quando una struttura permanente non sarà costruita.

Zone di Pace in Venezuela

Il Venezuela è uno dei paesi più urbanizzati del Sud America. Tuttavia, negli ultimi anni, il Paese è stato travolto da una crisi economica e politica che ha causato un’ondata di violenza urbana.

Il progetto dello studio di architettura locale PICO Estudio, Espacios de Paz (Spazi per la Pace) ha creato cinque zone sicure all’interno di alcuni dei quartieri più tormentati del Venezuela.

Progettati con colori allegri e brillanti e motivi geometrici, questi cinque centri comunitari forniscono aree sicure per le famiglie e i bambini per riunirsi, imparare e giocare.

Il progetto di architettura umanitaria, vincitore del Premio Architettura Sans Frontiere nel 2015, ha già portato drastici cambiamenti nei cinque insediamenti urbani in cui si è diffuso.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *