Immaginate di entrare in una città virtuale e di avere il controllo sulla possibilità di sopravvivere e di prosperare o di lottare e perire. Dovrete trovare il perfetto equilibrio tra le risorse disponibili – energia, strade, corsi d’acqua, case residenziali ed edifici commerciali – per costruire una città vivibile e fiorente.

Questo scenario può sembrare realistico, ma in realtà si svolge in un mondo virtuale. Questo è Sustain-a-city, un gioco di realtà virtuale (VR) progettato per dimostrare il concetto di pianificazione urbana sostenibile. È solo uno dei modi per sfruttare la VR per la prossima ondata di urbanizzazione.

Secondo la Dr. Anja Meyer-Jürgens, Vice Presidente per la strategia digitale e la trasformazione di dormakaba, la VR è destinata ad accelerare la velocità della rivoluzione urbana verso città più intelligenti.

«Siamo nell’era della trasformazione digitale», dice il Dr. Meyer-Jürgens. E crede che attingere alla rivoluzione VR richiederà una mentalità innovativa.

«La questione non è se qualcosa funzionerà, ma come le aziende lo useranno», spiega. «Lavorare con la tecnologia digitale, e la VR in particolare, è completamente diverso: è agile ed esplorativo».

Lo stato della realtà virtuale

Un rapporto del 2018 stima che il mercato mondiale della realtà virtuale crescerà ad un tasso di quasi il 60% tra il 2018 e il 2023, raggiungendo un valore di 49,7 miliardi di dollari entro il 2023. Un altro sondaggio del 2018 ha rilevato che il settore immobiliare (comprese le proiezioni virtuali e la costruzione) è uno dei settori che vedrà il maggior numero di investimenti in tecnologia o contenuti VR entro il prossimo anno.

La realtà virtuale è comunemente associata al mondo del gioco e dell’intrattenimento, con gli utenti che si immergono in mondi generati dal computer. Eppure, la tecnologia potrebbe giocare un ruolo vitale per rivoluzionare la vita urbana, trasformando i paesaggi urbani in tutto il mondo.

Visualizzazione attraverso la virtualizzazione

La realtà virtuale è un passo avanti rispetto alla modellazione 3D. I modelli 3D forniscono una visione dettagliata di uno spazio, ma la VR permette alle persone di immergersi nei dettagli di quello spazio.

Attraverso la realtà virtuale, gli inquilini o i proprietari di casa possono fare un tour della loro futura casa e dell’ambiente che la circonda: edifici e parchi nelle vicinanze, traffico pedonale sui sentieri, traffico veicolare sulle strade. Possono camminare attraverso il loro spazio vitale e l’ambiente circostante come se fossero realmente lì. Questo è il caso del Katara Cultural Village di Doha, Qatar, con un’esperienza di VR che mostra gli attuali sviluppi e i progetti futuri.

Le opportunità che la VR offre nel mondo delle tecnologie edilizie sono illimitate: Per gli architetti e gli altri stakeholder, la VR offre un modo per visualizzare gli elementi interni ed esterni, tenendo conto di diversi fattori che potrebbero avere un impatto sulla progettazione e sulla costruzione. Elementi come la luce, il calore, le caratteristiche di sicurezza e i controlli di sicurezza e di accesso potrebbero essere sovrapposti e simulati in un ambiente VR per valutarne gli effetti e identificare le aree di miglioramento.

Maggiore visibilità con la realtà virtuale

Dare vita ai mondi immaginati della realtà virtuale è possibile indipendentemente dal luogo. Questo potrebbe promuovere una collaborazione più efficace tra i team di progetto a distanza e potrebbe essere particolarmente utile per progetti in aree di difficile accesso.

Per esempio, Build Change ha utilizzato la realtà virtuale come parte dei suoi sforzi di ricostruzione in Nepal. L’organizzazione non profit aiuta le comunità a costruire case e scuole resistenti ai disastri. Build Change ha creato un tour virtuale del villaggio degli elefanti del Nepal per mostrare l’entità dei danni provocati dai terremoti del 2015 e aiutare le squadre in loco e fuori sede a capire i cambiamenti necessari per il retrofit sismico delle case danneggiate dal terremoto.

Utilizzare la VR per valorizzare i paesaggi urbani

Come tecnologia rivoluzionaria, la VR promette di rivitalizzare i paesaggi urbani delle città. Ad esempio, i ricercatori della North Carolina State University si sono rivolti alla realtà virtuale per studiare come gli abitanti delle città percepiscono gli spazi verdi in certi ambienti urbani. Nell’ambiente della piazza virtuale del centro città, gli intervistati hanno riferito di voler «essere circondati da quanta più vegetazione verde possibile». Tuttavia, nello scenario del parco del quartiere, hanno preferito il contrario, con una vegetazione chiusa che li fa sentire insicuri.

L’utilizzo di VR in questo modo potrebbe aiutare architetti e progettisti a prendere decisioni più informate quando si tratta di progettazione urbana. Questo caso d’uso del VR potrebbe anche essere esteso per creare migliori percorsi pedonali, migliorare i trasporti pubblici e preservare gli edifici storici.

VR come strumento di impegno civico

Per gli urbanisti, la realtà virtuale potrebbe essere un modo per coinvolgere le comunità in progetti di sviluppo urbano. Invece dei soliti piani architettonici in 2D e modelli in scala tridimensionale, una simulazione virtuale potrebbe fornire una visione più realistica, permettendo ai cittadini di interagire con i progetti e di esplorarli. I cittadini potrebbero quindi utilizzare questa esperienza per fornire un feedback più approfondito.

A Canberra, Australia, Transport Canberra ha creato un tour in realtà virtuale del prossimo sviluppo del light rail, in modo che il pubblico possa condividere le proprie opinioni su percorsi, fermate e altri cambiamenti. Un’esperienza VR è stata costruita anche per coloro che si trovano nel distretto di Canberra di Gungahlin per vedere come sarà la stazione degli autobus completata, la zona condivisa e il centro della città e per avere la loro opinione. Nel Regno Unito, la London Cycling Campaign ha utilizzato VR per proporre una pista ciclabile e altri miglioramenti lungo il tratto ad alto traffico di London Boulevard.

Il futuro è luminoso per la realtà virtuale

Strumenti VR più specializzati, come il prototipo sviluppato dalla Carnegie Mellon University, potrebbero spianare la strada per immaginare un futuro più luminoso per le città. Nel frattempo, l’ascesa della VR sociale – dove le persone si riuniscono in un mondo virtuale – potrebbe consentire a progettisti, urbanisti e altri stakeholder di collaborare su modelli architettonici virtuali condivisi. Man mano che la tecnologia VR matura e diventa più accessibile, le possibilità della realtà virtuale nella vita urbana abbondano. Nonostante le sfide nell’innovazione e nell’adattamento, il Dr. Meyer-Jürgens conclude: «Deve sempre essere virtuale e reale allo stesso tempo. Questa è la vera sfida della virtual reality».

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *