Non è stato molto tempo fa – solo qualche decennio – che ogni edificio è iniziato con una matita e un pezzo di carta. Gli architetti hanno progettato grandi edifici disegnando su fogli di carta attaccati con lo scotch per creare una tela lunga centinaia di metri. Più architetti si sdraiavano sopra di essi, abbozzando con cura il disegno dell’edificio. Una modifica della posizione del bagno, il numero di scale o un piccolo errore di calcolo di una pendenza potevano significare la ripresa dell’intero processo.

L’avvento dei computer ha cambiato tutto: gli edifici non erano più progettati, erano calcolati. Improvvisamente, gli architetti potevano testare centinaia di opzioni per ogni componente di un edificio prima di impegnarsi. Eppure, i disegni digitali non erano poi così diversi dalle versioni cartacee. I programmi per computer che molti architetti usano oggi realizzano modelli digitali individuali di edifici per ogni oggetto di dati: un modello per i materiali da costruzione, un altro per i pavimenti, un altro per gli impianti elettrici e così via. Per ogni modifica apportata, il relativo modello deve essere fatto circolare ad ogni singolo partner per approvare e apportare le modifiche corrette al fine di mantenere la coerenza attraverso ogni disegno digitale.

«Prendete un ospedale, per esempio», dice Andreas Vehreschild, Vice Presidente del Marketing per le soluzioni di accesso DACH, responsabile dello sviluppo strategico del Building Information Modeling (BIM) in dormakaba. «Ogni cambiamento, che sia per motivi di design, funzionali o finanziari, solleva molteplici questioni. Ad esempio, quanto costa l’installazione delle finestre fino al pavimento e come influisce sul consumo energetico dell’edificio? Tutte le porte sono conformi alle linee guida per la protezione antincendio/fumo e le vie di fuga?

Oggi, questo settore è nel bel mezzo di un’altra rivoluzione, la tecnologia esatta di cui Vehreschild è responsabile: Building Information Modeling (BIM), che rende la risposta a ciascuna di queste domande a portata di click. Con l’espandersi delle tecnologie, è sempre più chiaro che il settore non sarà mai più lo stesso.

Cos’è la tecnologia BIM?

In parole povere, il BIM permette ai progettisti di creare modelli 3D. Più precisamente, a differenza delle tecnologie di modellazione che lo hanno preceduto, il BIM è una rappresentazione digitale delle caratteristiche fisiche e funzionali di una struttura. Che si tratti di un edificio per uffici, un ospedale, una strada o un ponte, un modello BIM può mappare tutto, dai dettagli geografici, alle specifiche di produzione, alla luce che una stanza conterrà, all’impatto ambientale dell’intero progetto. Il BIM non mostra solo come sarà il progetto, ma anche come si “comporterà”.

L’altro aspetto degno di nota della tecnologia è che può essere utilizzata contemporaneamente da architetti, ingegneri e appaltatori; una modifica apportata da una parte si riflette istantaneamente su tutti, consentendo una collaborazione e una comunicazione allineata. A differenza di altri programmi che vengono utilizzati solo quando un edificio viene progettato e costruito, il BIM esiste per l’intera durata di vita di un edificio, dal concepimento alla demolizione. Una volta che gli architetti progettano un edificio, gli appaltatori usano quindi lo stesso modello per costruirlo; quando un edificio è finito, i proprietari usano il BIM per programmare la manutenzione e completare gli aggiornamenti dell’infrastruttura. In ogni fase della vita, il BIM genera automaticamente la programmazione e la logistica che riduce gli errori, rende più accurate le previsioni dei costi e velocizza il progetto

Quando una porta si chiude

Diciamo, ad esempio, che un team sta progettando una porta girevole per un ospedale che verrà utilizzata dai pazienti, dai parenti e dai membri dello staff mentre entrano ed escono dall’edificio. Il BIM rifletterebbe non solo il design della porta e le sue dimensioni, ma anche il modello di ogni parte, il numero di pannelli della porta, il tipo di motore che li azionerà, la frequenza della manutenzione, la disponibilità di pezzi di ricambio, l’impronta di carbonio e la funzionalità acustica, il tutto contenuto in un unico modello su cui ogni partner può lavorare contemporaneamente. Se un appaltatore decide di sostituire una porta, il budget, le protezioni antincendio, l’isolamento acustico e l’impronta energetica saranno immediatamente visibili e aggiornati.

Anche quando un progetto non utilizza il BIM, la tecnologia e le aziende che lo sostengono fanno avanzare il settore. Un plug-in dormakaba per Archicad, una tecnologia di progettazione architettonica tradizionale, chiamata «porta generica», permetterà presto agli stakeholder del progetto di tenere conto di particolari requisiti del progetto, come la protezione dal fuoco e dal fumo.

Con il nostro plug-in, i progettisti possono configurare le porte in modo flessibile, controllare automaticamente se i singoli componenti della porta sono compatibili, ad esempio, allarmi antifumo e serrature.

Andreas Vehreschild, DPV del Marketing per le soluzioni di accesso DACH di dormakaba

Il futuro è il BIM

Le possibilità della tecnologia si moltiplicano costantemente. Infatti, Vehreschild prevede che tra pochi anni sarà così fotorealistico che gli appaltatori useranno cuffie di realtà virtuale per esplorare l’ospedale digitale che stanno progettando, aprendo porte e camminando per i corridoi prima che il primo pezzo di terra venga dissotterrato. I modelli simuleranno persino i flussi di visitatori o il comportamento della folla in caso di problemi o rischi.

Ci sono però delle barriere che si frappongono tra questo sogno che diventa realtà. Un’indagine internazionale del 2015 condotta dal fornitore di software per l’edilizia Conject tra i professionisti del settore ha rilevato che le principali barriere all’utilizzo del BIM sono i grandi investimenti iniziali che esso richiede e che le competenze in materia di BIM sono ancora limitate.

Tuttavia, le capacità del BIM non hanno eguali. Le autorità pubbliche di un numero crescente di paesi aggiudicheranno i contratti solo alle aziende che utilizzano il BIM, tra cui Regno Unito, Danimarca, Finlandia, Norvegia e Paesi Bassi. Nel 2014 il Parlamento europeo ha raccomandato che tutti gli Stati membri facciano lo stesso; gli Stati Uniti e Singapore seguiranno presto l’esempio.

Il mondo sta crescendo a un ritmo senza precedenti: si prevede che la popolazione mondiale raggiungerà quasi 10 miliardi di persone entro il 2050 e che quasi il 70% delle persone si troverà nelle città. Questo significa che le strutture che ospitano e servono tutte quelle persone devono essere più efficienti che mai – e il BIM ci porterà lì.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *