Da quando il primo grattacielo moderno al mondo è stato costruito a Chicago nel 1885, i grattacieli di oltre 40 piani sono diventati la norma per i centri urbani densamente popolati. Oggi sono quasi un simbolo del progresso urbano e delle conquiste architettoniche. Dal 2000, la costruzione di grattacieli a livello mondiale è aumentata del 402 per cento.

Mentre le Nazioni Unite prevedono che la popolazione mondiale raggiungerà quasi 10 miliardi di persone entro il 2050, i grattacieli continueranno a soddisfare le crescenti esigenze immobiliari. Tuttavia, cosa succederebbe se ci fossero modi nuovi per rendere i grattacieli più adatti alle esigenze in evoluzione e in espansione delle affollate città moderne?

Completata nel 2020 dopo sei anni di costruzione, Raffles City Chongqing, nella Cina sud-occidentale, tenta proprio questo, in una città con una popolazione di oltre 30 milioni di abitanti.

Il grattacielo orizzontale fissa nuove altezze – e larghezze

Il primo grattacielo orizzontale al mondo si erge a 350 metri su una penisola dove si incontrano i fiumi Yangtze e Jialing. Avvolgendo una vista a 270 gradi di entrambi i fiumi, la struttura di 817.000 metri quadrati è composta da otto torri interconnesse, tutte con una leggera curva che assomiglia ai caratteri delle scritture cinesi. Il grattacielo orizzontale è l’architettura che rappresenta una potente vela che si innalza in avanti sullo storico sito di Chaotianmen.

In modo simile all’iconica Marina Bay Sands di Singapore, il grattacielo di Chongqing ha quattro delle sue torri che reggono la struttura da un ponte lungo 250 metri, chiamato Crystal. Di sera, Crystal diventa un fascio di luce che enfatizza la forma orizzontale.

Il gigantesco complesso ospita quartieri pubblici e privati come uffici, residenti, ristoranti, un enorme centro commerciale – e, naturalmente, sky garden e piscine a sfioro con vista sui fiumi Yangtze e Jialing.

Design non convenzionali di grattacieli per conquistare le grandi città

Oggi, 47 dei grattacieli più alti del mondo si trovano in Cina, che è ancora il paese più popoloso del mondo. Tuttavia, con l’aumento della popolazione in altre parti del globo, continuano ad emergere approcci poco inusuali per far emergere la maggior parte dei terreni urbani.

Infatti, gli edifici a piramide invertita che scendono nella terra – piuttosto che salire al di sopra di essa – esemplificano un’altra soluzione progettuale per i grandi centri urbani. Non ci sono esempi completi di questi edifici, anche se alcuni architetti ne hanno esplorato alcuni conept in Messico. Questi, insieme ad approcci innovativi come i grattacieli orizzontali, potrebbe costituire l’insieme di soluzioni che aiutano a creare città intelligenti in grado di soddisfare adeguatamente le esigenze di milioni di residenti.

«Vedo un periodo in cui la suddivisione in zone diventa più tridimensionale», dice il  Moshe Safdie capo dello studio Safdie Architects.

Aspettiamoci, quindi, di vedere nuovi modi di costruire grattacieli, soprattutto perché la crescita della popolazione urbana e lo spazio limitato costringono già gli architetti a pensare fuori dagli schemi.

«Piuttosto che pensare alla terra come a un terreno bidimensionale, la suddivisione in zone inizierà a richiedere alle persone di connettersi tra una proprietà e l’altra – prima a livello del suolo, poi in superficie», aggiunge Safdie.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *