Una città intelligente è un insediamento urbano che utilizza la tecnologia per risolvere i problemi e ottimizzare la vita della città. Questa idea può realizzarsi in due modi: alcune città, come Singapore o Dubai, stanno lavorando per diventare smart city attraverso aggiornamenti infrastrutturali e investimenti. D’altra parte, una nuova e nascente categoria di città inizia a essere intelligente da zero.

Secondo un rapporto di Navigant Research, il mercato globale delle soluzioni e dei servizi per le smart city raggiungerà quasi 98 miliardi di dollari nel 2026. La loro crescita stabile continua nonostante i venti contrari della pandemia da COVID-19. Al 2021, ci sono 565 progetti di smart city in 325 città diverse a livello globale. Questi presentano soluzioni uniche su iniziative governative ed energetiche, seguite da trasporti, edifici e obiettivi idrici.

Di seguito sono riportati alcuni dei più ambiziosi progetti di smart city che sono attualmente in corso. Una volta che saranno parte dell’ecosistema urbano globale, probabilmente plasmeranno le tendenze dell’urbanistica in tutto il mondo per i decenni a venire.

Woven City (Giappone)

Situata alla base del Monte Fuji, Woven City by Toyota sarà un ecosistema completamente connesso alimentato da celle a idrogeno. Con i progetti del celebre architetto danese Bjarke Ingels, il gigante giapponese della produzione di automobili trasformerà il sito di 175 acri di una ex fabbrica di automobili in Giappone in un «prototipo di città del futuro».

Ci saranno tre tipi di strade nella città, che potrebbe accogliere 2.000 abitanti: Per i pedoni, per i veicoli a bassa velocità come biciclette e scooter, e per i veicoli più veloci a guida autonoma – da qui il nome, «Woven City». Inoltre, il quarto percorso, progettato per i veicoli di consegna autonomi, correrà sottoterra.

La città tessuta sarà un laboratorio vivente centrato sull’uomo e in continua evoluzione, dove la qualità della vita sarà rafforzata da veicoli autonomi, intelligenza artificiale, tecnologia domestica intelligente, robotica e nuovi prodotti di mobilità.

La sua costruzione è iniziata nel febbraio 2021.

The Line (Arabia Saudita)

The Line, una cintura di 170 km di comunità percorribili a energia zero per un milione di persone, sarà la corona di Neom, il tentativo da 500 miliardi di dollari dell’Arabia Saudita di liberalizzare e trasformare la sua vita urbana.

Questa smart city sarà composta da comunità connesse chiamate «moduli di città», che permetteranno al mega-insediamento di essere libero da auto e strade. Il suo design innovativo implica che i residenti avranno la natura e tutte le necessità quotidiane a cinque minuti a piedi.

Mentre la percorribilità sarà una caratteristica distintiva di The Line, le soluzioni di mobilità ultra-veloci e autonome faranno sì che il viaggio più lungo nell’insediamento sarà di 20 minuti.

Le comunità iperconnesse e abilitate all’intelligenza artificiale di The Line saranno completamente alimentate da energia pulita.

La costruzione del progetto è iniziata all’inizio del 2021, come parte della Vision 2030 dell’Arabia Saudita.

ReGen Villages (globale)

Soprannominato il «Tesla degli ecovillaggi«, ReGenVillages è un progetto globale con l’obiettivo di stabilire città intelligenti e sostenibili al di fuori dei centri urbani densi. Usando l’AI a livello di comunità, il loro sistema permette lo sviluppo di simili comunità autosufficienti in tutto il mondo.

La dimensione di un ReGen Village sarà di circa 250.000 metri quadrati. Il primo di questo tipo è attualmente in fase di costruzione in Svezia, in collaborazione con White Arkitekter. La mini-città vanterà una produzione di cibo organico ad alto rendimento, energia prodotta e immagazzinata localmente, un riciclaggio completo ed edifici positivi per il clima.

La startup deve ancora finalizzare i suoi piani nella costruzione di altre comunità pilota in Europa, Stati Uniti e nazioni ASEAN. Tuttavia, potrebbero essere perfettamente in grado di soddisfare la domanda di una vita sostenibile fuori dalle grandi città dopo la pandemia da COVID-19.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *