«Non credo che l’architettura debba parlare troppo. Dovrebbe rimanere in silenzio e lasciare che la natura si trasformi in luce solare e vento», ha detto il celebre architetto giapponese Tadao Ando. L’urbanizzazione sta decollando a ritmo serrato. Secondo le Nazioni Unite, circa il 70 per cento del mondo vivrà in città. Insieme all’aumento della popolazione, ogni anno, milioni di edifici si moltiplicano in tutto il mondo.

Nonostante la vita moderna e urbana, l’uomo è ancora parte della natura. Tuttavia, molti edifici sono antropocentrici, non si fondono armoniosamente con l’ambiente e rispettano l’habitat circostante.

I quattro progetti architettonici che seguono si allineano esattamente con la visione di Tadao Ando. Mostrano che un mondo diverso è possibile, sia in termini di architettura che di conservazione dell’habitat.

Cradle Mountain Getaway Precinct (Tasmania, Australia)

Il Parco Nazionale Cradle Mountain-Lake St Clair, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, nell’isola australiana della Tasmania, è un’esperienza selvaggia che rimarrà a lungo con i visitatori. Nel tentativo di sviluppare il turismo nel rispetto delle sensibilità ecologiche, le autorità della Tasmania hanno commissionato a Cumulus Studio la costruzione del Cradle Mountain Getaway Precinct.

Il suo design è stato ispirato dagli elementi naturali della natura selvaggia della Tasmania, con forme geometriche taglienti che riflettono la geologia locale, unica nel suo genere, e che costituiscono un eccellente esempio di progetto architettonico in un habitat sensibile.

Cantina Shilda (Kakheti, Georgia)

Il vino è parte integrante della cultura e dell’identità della nazione eurasiatica della Georgia. Tuttavia, i paesaggi viticoli sono spesso ambienti aridi e fragili – e quelli delle montagne del Caucaso della Georgia non fanno eccezione.

Progettata dalla X Architecture, Shilda Winery è inserita nella struttura del paesaggio naturale, rendendola a malapena visibile a volo d’uccello (vedi immagine in primo piano di questo articolo). Le tre strutture, sostenute da travi sinuose, fungono da spazi per conservare, degustare e condividere informazioni sul vino. X Architecture spiega sul suo sito web: «La forma è una risposta ponderata ai fattori ambientali del territorio e alle qualità del vino. L’edificio utilizza la massa termica del terreno per moderare la temperatura interna».

Person, Human, Outdoors, sensitive habitat

Cantina Shilda a Kakheti (Georgia) / © Michael Archviz e © X Architettura

Casa in cartapesta (Texas, USA)

La cartapesta è un materiale composito composto da pezzi di carta, tessuto o pasta di cellulosa, per questo motivo molti artigiani e bambini la apprezzano. Tuttavia, nel deserto del Texas, la cartapesta potrebbe anche essere il materiale perfetto per un progetto architettonico in un habitat sensibile.

Lo studio di design-building statunitense I/te e la piattaforma curatoriale Roundhouse hanno completato le «strutture in cartapesta autoportanti più grandi del mondo» in un allevamento di bestiame in Texas.

La maggior parte del progetto è stata realizzata con carta riciclata, e gli adesivi sono stati tutti fatti a mano dal nostro team in loco senza l’utilizzo di prodotti animali o tossine.

Neal Lucas Hitch, co-fondatore

Un ritiro nei boschi (Klein Köris, Germania)

Lo studio di architettura Zeller & Moye ha costruito una casa interamente in legno, disposta in cinque scatole per evitare di tagliare i pini che la circondano. I suoi architetti hanno esaminato l’area e determinato il progetto in base alla posizione degli alberi esistenti, ponendo l’asticella per progetti architettonici in un habitat sensibile. Situata nel parco naturale Dahme-Heideseen nella Germania orientale, la casa è stata sollevata dal suolo per un impatto minimo sulla foresta che risale all’era glaciale.

«La casa è interamente realizzata in legno: dalle lastre e dalle pareti al rivestimento della facciata e all’isolamento a base di fibre di legno», ha dichiarato Ingrid Moye, cofondatrice di Zeller & Moye. «Fin dalle prime fasi di progettazione, abbiamo avuto l’intuizione di progettare questa casa con materiali locali e naturali che si integrassero nel suo contesto naturale».

Housing, Building, Nature, sensitive habitat

Woodland Retreat, Klein Köris (Germania) / © César Béjar e © Zeller & Moye

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *