Dalla penisola arabica agli Stati Uniti meridionali, più di un miliardo di persone vivono in regioni desertiche e sperimentano temperature estreme. Queste comunità vedono piogge molto scarse e regolari tempeste di polvere. Tuttavia, nel corso dei secoli, gli abitanti del deserto hanno inventato tecniche di costruzione che li aiutano a vivere in queste dure condizioni climatiche. Quali sono alcuni dei più intelligenti esempi moderni di architettura nelle regioni aride?

Le case nelle regioni desertiche hanno spesso pareti spesse, patii coperti, cortili e pavimenti in pietra o piastrelle. Prima dell’invenzione dei moderni sistemi di condizionamento dell’aria, gli abitanti dell’Asia centrale e della penisola arabica utilizzavano torri eoliche per raffreddare le loro case. Le pratiche sostenibili del paesaggio, con piante autoctone e resistenti alla siccità, contribuiscono ad aumentare la ritenzione dell’acqua nel suolo.

Nel ventesimo secolo, l’architettura nelle regioni aride è stata trasformata da innovazioni tecniche e da nuovi materiali come il vetro rivestito. I sistemi di riciclaggio delle acque grigie, che raccolgono l’acqua di scarico delle docce, dei bagni e dei lavabi per l’uso nei WC e/o nelle lavatrici, contribuiscono a ridurre lo stress dei bacini idrici locali. Queste comunità potrebbero anche approfittare dell’implacabile sole: I deserti sono i luoghi perfetti per l’energia solare.

In alcuni deserti, le persone sperimentano temperature di oltre 50 gradi Celsius (122 gradi Fahrenheit). E stanno diventando ancora più caldi: le temperature aumentano più velocemente della media globale, e la desertificazione sta avvenendo rapidamente. Il bisogno di trovare soluzioni edilizie intelligenti per ambienti difficili come quelli dei deserti diventerà quindi solo più significativa.

I cinque edifici che seguono sono tra gli affascinanti capolavori dell’architettura moderna nelle regioni colpite dalla siccità.

Centro studi e ricerche sul petrolio di Re Abdullah (Riyadh, Arabia Saudita)

Questo centro futuristico, con le sue strutture a nido d’ape prismatiche esagonali bianche, non è solo bello: l’architetto britannico iracheno Zaha Hadid, vincitore di un premio, ha fatto in modo che l’edificio consumasse meno energia possibile. Questo si adatta al suo scopo, dato che i ricercatori stanno cercando di trovare soluzioni alle sfide energetiche del pianeta.

Il design del campus di 70.000 m² ammorbidisce la luce dura e il calore rovente. Gli “acchiappavento” sul tetto rinfrescano i cortili catturando i venti da nord.

Casa del deserto nero (Yucca Valley, USA)

Abitazioni del deserto: Architettura ingegnosa nelle regioni aride

L’ex proprietario di questa sorprendente villa nera, il designer Marc Atlan, voleva una casa che sembrasse «come un’ombra». Qui, nell’arido paesaggio desertico vicino al Joshua Tree National Park in California, il sole è spesso così luminoso che l’ombra è una piacevole tregua per gli occhi.

Gli architetti, marito e moglie Monica Oller e Tom Pejic, hanno creato delle finestre da pavimento a soffitto che rendono l’interno molto luminoso e offrono una vista panoramica sui grandi massi marroni e sulle montagne brulle in lontananza. Di notte, la casa si dissolve completamente nel buio, facendo apparire le stelle ancora più prominenti.

Casa dei Tre Giardini (Kuwait City, Kuwait)

Considerando le estati kuwaitiane straordinariamente lunghe e calde, non c’è da stupirsi che la maggior parte delle persone nello stato del Golfo stia all’interno con l’aria condizionata per la maggior parte dell’anno. Tuttavia, questo consuma molta energia, e la famiglia che vive qui ha voluto passare più tempo all’esterno.

AGi Architects ha trovato la soluzione definitiva per l’architettura nelle regioni aride progettando questa straordinaria casa con tre giardini interni a cascata, tra cui una piscina e una fontana. In estate, il giardino a quattro metri sotto il livello della strada è il luogo più fresco, mentre il giardino sul tetto è il luogo ideale per trascorrere le fredde giornate invernali e le notti d’estate.

Casa Swartberg (deserto di Karoo, Sudafrica)

I proprietari di questa splendida casa nel deserto bianco, l’editore David Jenkins e la fondatrice di Openstudio Architects, Jennifer Beningfield, ricercavano un rapporto più stretto con il mondo naturale.

La casa con quattro camere da letto ai piedi dello Swartberg Pass è stata costruita con materiali locali, come pavimenti in mattoni a vista, intonaco a calce ruvida e piastrelle di ceramica bianca sia per l’interno che per l’esterno. Le spesse pareti di intonaco tengono lontano il calore, mentre le strette e irregolari aperture creano abili giochi di luce. Le persiane in legno schermano ulteriormente il calore in estate, mentre i grandi fori riscaldano i pavimenti in mattoni in inverno.

Museo di Arte Islamica (Doha, Qatar)

Abitazioni del deserto: Architettura ingegnosa nelle regioni aride

Situato su una piccola isola costruita dall’uomo, questo museo è stato inaugurato nel 2008 – ma come capolavoro di architettura nelle regioni colpite dalla siccità, è già un’icona. L’edificio in pietra calcarea color crema ospita una delle più grandi collezioni di arte islamica del mondo.

Il famoso architetto I.M. Pei aveva già 91 anni quando gli è stato commissionato il lavoro. Per trovare ispirazione, ha viaggiato per la prima volta attraverso l’Africa, l’Asia e l’Europa per vedere i punti salienti dell’architettura islamica.

La moschea del IX secolo di Ahmad Ibn Tulun al Cairo lo ha incuriosito più di tutti e si può riconoscere nell’edificio principale di cinque piani e nell’atrio a cupola alta. I materiali utilizzati non solo dovevano essere adatti al forte calore del Qatar, ma anche all’ambiente salino corrosivo della baia di Doha.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *