Negli ultimi decenni, i disastri naturali sono cresciuti in forza e frequenza a causa dei cambiamenti climatici. Negli ultimi 30 anni il numero delle catastrofi legate al clima è triplicato. Inoltre, tra i 20.000 terremoti che scuote il mondo ogni anno, circa 16 sono di magnitudo sette o anche di più.

Questi disastri costano migliaia di vite umane, costano miliardi di dollari di danni e spesso si traducono in crisi umanitarie che durano anni. Tuttavia, la mitigazione pre-disastro, di cui una parte significativa è costituita da un’architettura resistente ai disastri, può ridurre al minimo la distruzione nelle aree a rischio. Può anche garantire che gli impatti di un disastro siano gestibili e di breve durata.

Secondo il Multihazard Mitigation Council dell’US National Institute of Building Sciences, gli sforzi di mitigazione dei disastri risparmiano fino a 13 dollari per ogni dollaro investito. Di seguito sono riportati alcuni modi in cui l’architettura resistente ai disastri può contribuire in modo significativo a questo investimento:

Materiali da costruzione sensibili ai disastri

Architettura resistente ai disastri
Il tetto svolge un ruolo importante nell’architettura resistente ai disastri.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) include terremoti, tsunami, eruzioni vulcaniche, frane, uragani, inondazioni, incendi, ondate di calore e siccità come disastri naturali – e ognuno di essi ha un impatto unico ovunque si verifichi.

A seconda del profilo di rischio di un’area, i materiali da costruzione sensibili alle catastrofi possono includere qualsiasi cosa, dal bambù al vinile. Tuttavia, è importante notare che non esiste un solo materiale che si adatti a tutti i rischi. Per esempio, la ricerca dimostra che gli elementi leggeri e naturali possono aumentare notevolmente la resilienza degli edifici contro alcuni disastri naturali, in particolare i terremoti. Ma potrebbero non essere la scelta ottimale per le inondazioni – ad esempio, il legno grezzo si gonfia in acqua.

Nell’agosto 2018, una serie di terremoti ha distrutto più di 32.000 case nell’isola indonesiana di Lombok. Sorprendentemente, molte delle tradizionali case di legno sono rimaste illese. È stata proprio la saggezza culturale di costruire con materiali leggeri e flessibili, allineati alla natura, a salvare queste case.

D’altra parte, le tradizionali case in legno potrebbero non mostrare la stessa resistenza contro diversi tipi di disastri naturali, come inondazioni o tifoni, così come gli incendi. Nelle zone soggette a inondazioni, l’architettura può ridurre i rischi di calamità utilizzando materiali altamente resistenti ai danni causati dalle acque alluvionali, compresi i danni causati dall’acqua in movimento. Questi possono includere una combinazione di cemento, lattice e vinile sul pavimento, e mattoni e metalli sulle pareti e sui soffitti.

Disegni sinuosi per ridurre i rischi meteorologici estremi

Architettura resistente ai disastri
Gli esterni aerodinamici possono aiutare contro i danni causati dagli uragani

Molti edifici moderni hanno bordi duri, con angoli a 90 gradi e spigoli vivi. Ma i progetti edilizi non convenzionali, come quelli con facciate curve o cupole, possono mitigare alcuni rischi di condizioni climatiche estreme.

Soprattutto quando si costruisce in luoghi dove gli uragani e i disastri causati dal vento possono essere fonte di preoccupazione, gli esterni aerodinamici stanno diventando soluzioni architettoniche sempre più popolari. Ci sono prove che le forme esagonali e ottagonali delle case e dei tetti possono resistere meglio al vento estremo.

Allo stesso modo, i tetti dei fianchi, che si inclinano verso l’alto da tutti i lati di una struttura senza estremità verticali, sono più aerodinamici e più resistenti alle forze di sollevamento del vento forte.

Detto questo, il design dell’architettura resistente ai disastri deve essere simmetrico e di forma regolare. Secondo il Global Shelter Cluster, gli edifici asimmetrici, come quelli a forma di T o U, potrebbero aumentare gli effetti negativi dei disastri naturali. Allo stesso modo, anche le forme sbilanciate, come gli edifici molto lunghi e sottili, hanno tipicamente un profilo di rischio più elevato per la maggior parte dei tipi di disastri naturali.

Strutture edilizie rinforzate

Architettura resistente ai disastri
Gli edifici di nuova costruzione dovrebbero idealmente essere costruiti con un piano di architettura resistente ai disastri.

Idealmente, tutte le strutture dovrebbero essere erette con un piano di architettura resistente ai disastri climatici. Tuttavia, soprattutto per gli edifici più antichi, questo non è sempre possibile. Tali edifici in zone a rischio di catastrofi possono beneficiare di rinforzi strutturali per mitigare i rischi.

Prendete il retrofitting sismico, che protegge dai danni del terremoto. A seconda delle vulnerabilità dell’edificio, il processo può comprendere l’armatura delle fondazioni mediante il getto di calcestruzzo supplementare, la sostituzione di colonne o travi o il rinforzo della struttura dall’esterno con l’utilizzo di puntoni ausiliari.

Nelle regioni ad alta attività sismica, i progettisti spesso abbracciano questi rinforzi come caratteristiche architettoniche. In Giappone, un paese che deve affrontare 1.500 terremoti all’anno, si utilizza una tecnica di rinforzo nota come «The Strand Rod», che utilizza una rete di fibre di carbonio per proteggere un edificio da scosse e tsunami. Le fibre di carbonio non sono solo esteticamente gradevoli, ma contribuiscono anche a creare una struttura più robusta.

Nessuna caratteristica architettonica da sola può garantire che un edificio sia a prova di disastro in ogni situazione. Né un edificio può essere resistente all’innalzamento del livello del mare. Tuttavia, la giusta architettura di un edificio può senza dubbio salvare vite umane.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *