«Studiate la natura, amate la natura, state vicini alla natura. Non vi deluderà mai», ha detto Frank Lloyd Wright, il celebre architetto statunitense che ha progettato più di 1.000 strutture durante i suoi 70 anni di carriera.

Fin dall’inizio della storia, infatti, artisti e architetti hanno trovato ispirazione nella natura.

Tuttavia, si sta diffondendo sempre più un approccio all’architettura che non solo cerca l’ispirazione dalla natura, ma può anche imitarne le soluzioni. La bioarchitettura, nota anche come architettura biomimetica o bioispirata, è un campo interdisciplinare che in genere collabora con le scienze della vita per trarre ispirazione dal design.

La progettazione della bioarchitettura incorpora la comprensione delle funzioni biologiche, delle strutture e dei principi di vari oggetti presenti in natura da parte di biologi, fisici, chimici e scienziati dei materiali, con caratteristiche architettoniche solitamente allineate a qualche elemento naturale locale.

Anche se si tratta di una disciplina giovane, le strutture biomimetiche stanno lentamente prendendo il sopravvento sugli approcci tradizionali in muratura, fornendo all’umanità le soluzioni tanto necessarie e un rinfrescante senso estetico dalla natura. Ecco cinque strutture che esemplificano alcune delle innovazioni e dei progressi in questo campo.

1. Progetto Eden, Regno Unito

L’Eden Project, un giardino botanico in Cornovaglia, Inghilterra, è la più grande serra del mondo, situata in biomi tropicali che si annidano in un cratere grande come 30 campi da calcio.

Sono state le bolle di sapone a ispirare il design leggero e trasparente delle cupole geodetiche dell’Eden Project.

Sotto queste cupole a forma di bolla, è possibile sperimentare un’ampia gamma di biomi, dalle foreste pluviali tropicali agli uliveti mediterranei.

2. Galleria aborigena di Taitung, Taiwan

Anche se la bioarchitettura è un approccio relativamente giovane nella progettazione moderna, le comunità indigene hanno imitato per millenni le soluzioni e i modelli della natura nei loro ambienti costruiti.

La Taitung Aboriginal Gallery di Taitung, Taiwan, rende omaggio all’arte, al patrimonio e alla cultura del popolo austronesiano.

Il suo tetto ondulato con sfumature blu ricorda un mare ondulato e raccoglie l’acqua piovana in cinque piccoli stagni nella piazza.

Il design bio-ispirato facilita un flusso d’aria organico in tutta la struttura, consentendo alla luce del sole di penetrare attraverso gli alberi di scarabeo, le felci, i fiori di conchiglia e vari altri tipi di piante austronesiane, imitando l’esperienza di trovarsi in una foresta pluviale.

3. Stadio nazionale di Pechino, Cina

Lo Stadio Nazionale di Pechino è stato progettato per le Olimpiadi e le Paralimpiadi del 2008. È stato riutilizzato, poi, per le Olimpiadi e Paralimpiadi invernali del 2022.

La struttura dello stadio è a forma di sella, con le parti in acciaio che si incastrano tra loro e che ricordano un reticolo di ramoscelli come se fossero stati messi da un uccello che nidifica, tanto da meritare il soprannome di «nido d’uccello».

Il «Nido d’uccello» è la struttura in acciaio più grande del mondo, il cui disegno si ispira alle ceramiche screziate in stile cinese, garantendo una visuale ottimale agli 80.000 spettatori che può ospitare.

4. Il Nido, Namibia

Un altro «nido» che non ha cercato ispirazione oltre la natura si trova in Namibia, ma non potrebbe essere più diverso dallo Stadio Nazionale di Pechino nell’approccio e nella scala.

The Nest, un safari lodge off-grid, realizzato interamente con materiali e manodopera di provenienza locale, sorge nel mezzo del deserto del Namib.

È modellato sul nido di un tessitore socievole, un membro della specie di uccelli tessitori endemici dell’Africa meridionale, e si fonde perfettamente con le dune rosso fuoco.

5. Stazione di Iidabashi, Giappone

La metropolitana di Tokyo è una delle reti di trasporto pubblico più complesse, più utilizzate e, allo stesso tempo, migliori e più ottimizzate del mondo.

Tuttavia, anche nella futuristica capitale giapponese, famosa per la tecnologia all’avanguardia, le soluzioni e le ispirazioni provenienti dalla natura aggiungono valore alla vita dei pendolari.

La stazione di Iidabashi, un’importante stazione ferroviaria di interscambio, è stata progettata per assomigliare a un organismo vivente.

Come molte meraviglie della natura, solo una parte di questa stazione è visibile dall’esterno. Tuttavia, il resto è nascosto nel sottosuolo: È un «seme architettonico che germoglia sottoterra» e cresce in un colossale fiore di metallo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *