Le città hanno dato vita alla civiltà così come la conosciamo, secondo molti storici e archeologi. Da quando le prime città della Mesopotamia sono nate migliaia di anni fa, la crescita dell’urbanizzazione globale è stata inarrestabile. Entro il 2050, più di due terzi della popolazione mondiale risiederà nelle città, un salto rispetto all’attuale 55%.

Tuttavia, le città che hanno contribuito così tanto all’umanità si trovano ora ad affrontare una crisi senza precedenti. Dalla siccità di Città del Capo alla lenta sommersione di Giacarta, il cambiamento climatico sta già avendo un impatto negativo sulle città.

Mentre la popolazione urbana di tutto il mondo sta salendo alle stelle, anche le città fanno la parte del leone nella dinamica delle responsabilità del cambiamento climatico – e le soluzioni stanno emergendo.

Il concetto di «città spugna» è tra i nuovi modi in cui i ricercatori e gli innovatori urbani stanno rispondendo alla crisi climatica che potrebbe colpire miliardi di abitanti delle città.

Cos’è una «Sponge City» o “Città spugna”?

Soinge Cities

Un grande rischio che il cambiamento climatico introduce nei centri urbani è rappresentato dalle inondazioni dovute a fenomeni meteorologici imprevedibili ed estremi. Quindi, le città spugnose sono ecosistemi urbani progettati per sfruttare le inondazioni, piuttosto che permettere loro di distruggere i mezzi di sussistenza. Queste città attingono a elementi biofili del design urbano come i tetti verdi, spazi verdi aperti e corsi d’acqua interconnessi che possono trattenere e filtrare l’acqua in modo naturale.

Il Prof. Kongjian Yu, un urbanista ecologico cinese noto come «Sponge Cities Architect», ritiene che finché le inondazioni sono controllate non rappresentano un pericolo.

«Quello che abbiamo fatto è stato completamente sbagliato», dice, riferendosi al modo in cui le città moderne tendono a utilizzare corsi d’acqua in cemento per incanalare le inondazioni nei laghi o nei mari.

«Quello che dovremmo fare è semplicemente far rivivere l’antica saggezza», aggiunge il Prof. Kongjian Yu.

Quali sono i vantaggi?

Sponge Cities

Attraverso le città di spugna, il Prof. Kongjian Yu raccomanda agli urbanisti di lavorare con la natura, piuttosto che contro di essa. Quindi, anche se non esiste un’unica formula per crearne una, le città di spugna sono reti verdi complesse che mirano a utilizzare il 70% delle acque alluvionali.

L’assorbimento e il riutilizzo delle acque alluvionali non solo aiutano le città ad evitare le gravi conseguenze delle inondazioni urbane, ma portano anche molti altri benefici. Le città di spugna creano più acqua pulita per i residenti, poiché le infrastrutture verdi filtrano l’acqua in modo naturale.

Questi sistemi riducono al minimo anche il carico sulle reti idriche e di drenaggio della città, riducendo al contempo il rischio di future inondazioni. Nel frattempo, le aree urbane più verdi continuano a migliorare la qualità della vita.

Una città di spugna segue la filosofia dell’innovazione: una città può risolvere i problemi dell’acqua invece che crearli. A lungo termine, le città spugnose ridurranno le emissioni di carbonio e contribuiranno a combattere il cambiamento climatico.

Qiu Baoxing, presidente della Società cinese di studi urbani e della Società cinese di pianificazione urbana

Qiu Baoxing, un ex vice-ministro dell’edilizia abitativa e dello sviluppo urbano-rurale in Cina, ha detto a The Guardian.

In futuro, le città delle spugne ridurranno anche i rischi derivanti dall’innalzamento del livello del mare.

Città della spugna, Futuri resilienti

641 delle 654 grandi città cinesi subiscono un’inondazione urbana. Nel 2012, una devastante alluvione a Pechino è stata un campanello d’allarme. La centrale elettrica dell’Asia orientale è ora un pioniere nella creazione di città spugnose nei suoi centri urbani. Attualmente ci sono 16 città spugna pilota, con l’intenzione di estenderne il numero a 30 entro il 2030.

Poiché la Cina non è l’unico paese al mondo ad essere vulnerabile alle inondazioni urbane, le città spugnose stanno comparendo anche in altri luoghi. Gli Stati Uniti, la Russia e l’India sono tra i paesi che stanno investendo nelle città spugnose come soluzione al cambiamento climatico urbano.

Questa innovazione delle infrastrutture verdi che si sta diffondendo in tutto il mondo sta rendendo le città più resistenti, riallineandole al ritmo della natura.

«Le inondazioni non sono nemiche», aggiunge il Prof. Kongjian Yu. «Possiamo fare amicizia con le loro». Possiamo fare amicizia con l’acqua».

Il concetto di «città spugna» è tra i nuovi modi in cui i ricercatori e gli innovatori urbani stanno rispondendo alla crisi climatica che potrebbe colpire miliardi di abitanti delle città.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *