Entrando nel Royal Adelaide Hospital, di recente costruzione, sarebbe facile per chiunque dimenticare di essere in una struttura ospedaliera e questo è uno dei principi che definiscono il futuro dell’assistenza sanitaria: la guarigione incentrata sull’uomo.

La luce che si riversa attraverso un atrio di vetro a due piani all’ingresso principale accoglie i visitatori. Mentre attraversano l’ospedale, fotografie di paesaggi del sud dell’Australia e opere d’arte aborigene punteggiano i corridoi. I medici contemplano il loro lavoro sulle terrazze all’aria aperta e i pazienti fanno esercizio fisico nei giardini del cielo. Flotte di robot consegnano pasti personalizzati, biancheria pulita e strumenti chirurgici in tutta la struttura.

Questo ospedale non è solo una meraviglia tecnologica, è un’opera d’arte. Potrebbe sembrare il sogno di un architetto, ma è già una realtà per migliaia di medici e pazienti australiani.

Il Royal Adelaide Hospital ha aperto nel settembre del 2017, sostituendo – e superando di gran lunga – la versione precedente. Oggi conta 800 posti letto e 40 sale operatorie che servono 85.000 pazienti ricoverati e 400.000 ambulatoriali all’anno. L’enorme struttura è costata 1,9 miliardi di dollari USA e si estende per tre isolati, il che la rende il progetto edilizio più costoso di sempre in Australia e il terzo più costoso al mondo.

Tecnica con un tocco umano

Dalla tecnologia all’avanguardia, al design efficiente, all’approccio incentrato sul paziente, l’innovazione è il tema che lega Adelaide e che è al centro del futuro dell’assistenza sanitaria.

Una tecnologia di livello mondiale assicura che ogni paziente riceva un’assistenza ottimale, consentendogli di fare tutto, dalla scelta dei propri pasti utilizzando un sistema computerizzato in camera, alla ricezione dei farmaci attraverso gli armadietti di erogazione di una farmacia automatizzata. Amici e familiari dei pazienti possono muoversi in ospedale senza stress utilizzando chioschi con schermo tattile che stampano indicazioni personalizzate.

L’ospedale ha sfruttato la “tecnologia verde” per ridurre del 50% le emissioni di gas serra, compresi gli impianti a risparmio energetico, l’ottimizzazione della luce naturale e la raccolta dell’acqua piovana.

I vantaggi dell’innovazione tecnologica si estendono ben oltre le mura dell’ospedale: le strutture di teleassistenza sanitaria fanno sì che l’assistenza di Adelaide si estenda a zone remote e rurali, dove i residenti potrebbero non avere accesso a strutture di standard simili.

Una progettazione efficiente fa risparmiare tempo e vite umane

In un ambiente ospedaliero, un minuto o due possono fare la differenza tra la vita e la morte. Per questo motivo, il design innovativo di una grande struttura medica come il Royal Adelaide Hospital può salvare migliaia di vite ogni anno.

Quando i pazienti arrivano al pronto soccorso, vengono portati immediatamente in uno dei 70 cubicoli individuali (sostituendo le tende utilizzate nei Pronto Soccorso tradizionali), eliminando il tempo trascorso in una sala d’attesa.

Le unità di terapia intensiva sono sovrapposte per ridurre i tempi di trasporto dei pazienti, compresi i servizi vitali come le trasfusioni di sangue. Grazie ai sollevamenti rapidi, qualsiasi parte dell’ospedale è accessibile in meno di due minuti.

Le porte senza contatto, soprattutto nei bagni, migliorano il livello di igiene impedendo ai pazienti di entrare in contatto con le maniglie delle porte. Gli operatori automatici delle porte a battente e scorrevoli consentono ai pazienti di spostarsi con facilità in tutto l’ospedale grazie alle stampelle o alle sedie a rotelle. Le stesse porte intelligenti, abbinate a sistemi di sicurezza automatizzati, possono anche proteggere i pazienti che non possono muoversi in modo sicuro in tutto l’ospedale da soli o che rischiano di tentare di uscire non accompagnati.

Mettere il paziente al centro

Molti ospedali in tutto il mondo si occupano principalmente delle esigenze dei medici o degli amministratori. Ad Adelaide, tuttavia, il viaggio del paziente verso la salute è al centro di ogni fase della cura.

Infatti, ogni paziente soggiorna nella propria camera con le finestre che si aprono per far entrare aria fresca e bellezze naturali. Ogni camera ha un letto da giorno, in modo che ogni persona che si occupa del pernottamento possa soggiornare senza compromettere il comfort.

Mettere il paziente al centro significa prendersi cura di tutti coloro che gli orbitano intorno. La mensa si apre su un grande anfiteatro all’aperto dove medici, infermieri e ricercatori possono riunirsi e collaborare. Ci sono quasi quattro ettari di parchi paesaggistici e spazi verdi interni, tra cui oltre 70 cortili, terrazze e giardini celesti. Tutti all’ospedale hanno accesso a servizi come una banca, un ufficio postale, una palestra, ristoranti e un centro di assistenza all’infanzia.

Dotato delle più recenti innovazioni, l’Adelaide Royal Hospital dà un’idea di come sarà il futuro dell’assistenza sanitaria: incentrato sul paziente, innovativo e curativo. La sua esistenza è la prova che la medicina moderna e flessibile non è una chimera; è già una realtà che aspetta di diffondersi in tutto il mondo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *