Negli ultimi decenni la sostenibilità è diventata una delle spinte più importanti in tutti i settori, e l’architettura non fa eccezione. Un numero sempre più crescente di studi nel campo dell’architettura è dedicato proprio a come rendere gli edifici il più ecologici possibile. Per farlo, è necessario utilizzare, anche in modo creativo, nuove tecnologie digitali e materiali innovativi, come ad esempio quelli riciclati.

La maggior parte dei materiali utilizzati nelle costruzioni moderne sono altamente riciclabili. Per esempio, grazie alla crescente consapevolezza dei problemi ambientali, il 98% dell’acciaio strutturale non finisce nelle discariche in Europa. L’ambiente in cui viviamo quotidianamente presenta, quindi, molte altre opportunità per incorporare materiali riciclati nei progetti edilizi.

A seconda della forma e della funzione di un edificio, i materiali riciclati possono anche aiutare gli architetti a esprimere la loro visione artistica. E non c’è niente di meglio di una facciata realizzata con questi materiali che può aiutare gli architetti a raggiungere proprio questo obiettivo.

Mentre il riciclo diventa la norma tra gli architetti e gli operatori del settore edile, i progetti descritti a seguire, ci ricordano che è arrivato un modo diverso di pensare al nostro ambiente costruito.

Sedie in plastica riciclata: Galleria di Mobili, Repubblica Ceca

Grazie alla disposizione creativa di 900 sedie di plastica nera, un ex autosalone dal design minimale di Brno, nella Repubblica Ceca, è oggi una galleria di mobili prestigiosa. Durante i lavori, lo studio di architettura CHYBIK + KRISTOF ha seguito il motto: «Farlo a basso costo, idealmente gratis».

«Quando abbiamo introdotto per la prima volta la pelle, il cliente temeva costi aggiuntivi. Ma rispetto ai sistemi tradizionali, il prezzo della sedia era molto più basso», ha dichiarato l’architetto Ondrej Chybik a The Architect’s Newspaper.

Secchielli da gelato riciclati: Piccola biblioteca di Bima, Indonesia

A Bandung, in Indonesia, si trova una piccola biblioteca con una facciata caratterizzata da 2.000 secchielli da gelato in plastica. Quando gli architetti di SHAU hanno esplorato le possibilità di progettazione della facciata, si sono resi conto che i secchielli potevano essere interpretati come zeri e uni, a seconda che fossero chiusi o aperti, dando agli architetti la possibilità di inserire un messaggio sotto forma di codice binario.

Oggi, il messaggio «Buku adalah jendela dunia» (traducibile in inglese dall’indonesiano come «I libri sono le finestre sul mondo») è inciso su questa facciata attraverso i secchielli del gelato, che fungono anche da piacevoli lampadine naturali.

Riciclo dei container navali: Carroll House, USA

Un nuovo edificio degno di nota, che rappresenta la crescente tendenza a riciclare i container navali per scopi architettonici, è una residenza unifamiliare realizzata con 21 container navali, chiamata «Carroll House«. Si trova accanto alle abitazioni più tradizionali di Brooklyn, a New York.

Il modo in cui questi container sono impilati e tagliati in diagonale dallo studio di architettura LOT-EK genera un’unità monolitica, che offre privacy alla famiglia nel vivace quartiere di Williamsburg. La stessa tecnica consente di ricavare un ampio spazio esterno e un garage.

Persiane riciclate: Vegan House, Vietnam

Il proprietario di una casa stretta e a tre piani di Ho Chi Minh City, che lavora nel settore del turismo, ha ricevuto in dono da amici vecchie parti di edifici e mobili. Il dirigente del settore turistico si è rivolto allo studio vietnamita Block Architects per trasformare, con un budget limitato, questo luogo in un centro culturale. Per farlo anche le finestre accatastate si sono rivelate utili.

Così è nata la Vegan House! Uno dei tratti distintivi del locale è rappresentato dalla sua facciata e da alcune pareti interne, realizzate con persiane di finestre riciclate. Dipinte con colori vivaci, queste persiane hanno conferito alla Vegan House un’identità moderna, proteggendo al contempo i valori tradizionali.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *