Il mondo ha poco più di un decennio per evitare che il cambiamento climatico superi la soglia di 1,5 gradi Celsius. In caso contrario, qualsiasi ulteriore aumento delle temperature potrebbe avere effetti catastrofici su siccità, inondazioni e carestie per milioni di persone. Gli edifici e il settore delle costruzioni sono responsabili di quasi il 40 per cento delle emissioni totali di gas serra che contribuiscono a questo disastro, il che lo rende sia una fonte del problema che un potenziale di trasformazione non sfruttato.

Crescente necessità di edifici verdi

Nei prossimi quarant’anni sono previsti 230 miliardi di metri quadrati di nuove costruzioni. Per alcuni punti di vista, è come aggiungere il numero di edifici a Parigi ogni settimana. Con metà della popolazione mondiale già presente nelle aree urbane e due terzi della popolazione prevista di 10 miliardi di abitanti entro il 2060, questa ondata di costruzioni sarà diversa da tutte le altre. Perché l’umanità possa prosperare – e sopravvivere – dovrà essere verde.

La progettazione di edifici verdi, detta anche progettazione sostenibile, si realizza quando architetti, appaltatori, proprietari di edifici aumentano l’efficienza dell’energia, dell’acqua e dei materiali di una struttura per ridurre l’impatto sia sull’ambiente che sulla salute umana. Questo metodo di progettazione ha anche benefici economici diretti, come la riduzione dei costi operativi attraverso il risparmio energetico, il miglioramento della produttività dei lavoratori e l’aumento del valore di un edificio.

Block

Andare verso il verde e limitare il consumo di carbonio

ponte, edilizia, Architettura

Ci sono un paio di fattori che contribuiscono alle emissioni complessive di un edificio. Il primo è l’energia che un edificio consuma nell’ambito delle sue operazioni quotidiane come l’illuminazione, il riscaldamento e il raffreddamento. Il secondo sono le emissioni prodotte quando un edificio viene costruito: quanto sono verdi i materiali, quanto carbonio ci vuole per trasmettere quei materiali, quali macchinari sono necessari per costruirlo? Per rispettare l’accordo di Parigi, l’ambizioso patto globale per mantenere il riscaldamento al di sotto di 1,5 gradi Celsius, l’intensità energetica per metro quadrato del settore edilizio globale deve migliorare del 30% entro il 2030. Questo obiettivo richiederà di tenere conto di tutti questi fattori.

Calcolo dell’impatto ecologico di un edificio

La forma più diffusa di certificazione degli edifici verdi è chiamata Leadership in Energy and Environmental Design (LEED), che è stata sviluppata dall’US Green Building Council. Ottenere un marchio verde è complicato perché il processo di valutazione deve tenere conto degli impatti diretti di un edificio sull’ambiente, tra cui la riduzione dell’ozono, il potenziale di riscaldamento globale e le varie emissioni attraverso una serie di criteri standardizzati. Ciò comporta non solo la valutazione di quanto un edificio emette attualmente, ma anche la presa in considerazione dell’impatto ambientale di ogni prodotto e materiale utilizzato in un edificio. Inoltre, questo deve includere l’intero ciclo di vita dell’edificio, dall’estrazione delle materie prime al processo di costruzione fino all’uso quotidiano, alla demolizione e al riciclaggio dei materiali recuperabili.

Ottenere una Certificazioni LEED: processo complesso ma importante

Questo lungo processo può sembrare difficile da giustificare, ma i benefici superano di gran lunga la produzione iniziale. Per prima cosa, la certificazione verde è spesso incentivata con agevolazioni fiscali e permessi di urbanistica preferenziali. Questi edifici hanno anche un record di vendite più veloci perché sono più attraenti per gli acquirenti e tendono ad attirare l’opinione pubblica.

Degno di nota è anche il potenziale denaro risparmiato: Gli edifici LEED riferiscono che i costi di manutenzione sono ridotti del 20%, e i retrofit di edifici verdi tendono a ridurre i loro costi del 10% nel primo anno.

Gli edifici verdi sono l’unico modo per andare avanti

Landscape, Nature, Outdoors

Gli schemi di certificazione degli edifici verdi richiedono una valutazione della qualità dell’aria interna. Quindi, proteggono anche vite umane in senso immediato, dato che l’inquinamento atmosferico domestico uccide attualmente 4 milioni di persone all’anno. Grazie ad uno studio che dimostra che gli edifici LEED hanno emissioni di carbonio inferiori di oltre un terzo, questi edifici non solo contribuiscono a salvaguadare le vite umane, ma possono anche garantire il futuro dell’intero pianeta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *