Quando Natalie de Blois (1924-2013) ha conseguito la laurea in architettura alla Columbia University nel 1944, erano poche le donne che avevano intrapreso una carriera importante nel campo dell’architettura negli Stati Uniti.

Avviando la sua carriera nella cosiddetta «era Mad Men» dell’architettura, non sorprende che Natalie de Blois sia stata lasciata andare via perché un collega maschio sosteneva che la sua presenza «distraeva».

Dare forma alla New York del dopoguerra

Tuttavia, dopo essere entrata a far parte del famoso studio di architettura Skidmore, Owings & Merrill (SOM), de Blois scalò rapidamente i ranghi e realizzò molti edifici iconici che definirono l’era del dopoguerra e modellarono il cuore di Manhattan.

Nella sua carriera, durata cinque decenni, de Blois è stata coinvolta nella progettazione di molti progetti importanti. In particolare i punti di riferimento aziendali di New York negli anni Cinquanta e Sessanta.

Alcuni dei suoi edifici sono stati i migliori esempi di modernismo commerciale, come la Lever House, la sede mondiale della Pepsi-Cola Corporation, la sede della Connecticut General Life Insurance Company e la sede della Union Carbide Corporation.

Il suo stile è stato lodato come modernismo lussuoso e soave e, ancora oggi, alcuni dei suoi progetti sono tra gli edifici più alti creati da un architetto donna.

Diventare maggiorenni nell’era di «Mad Men» dell’architettura

Tuttavia, anche dopo essersi affermata come superstar di SOM, de Blois ha continuato a incontrare difficoltà sul lavoro a causa del suo genere. Ha ricordato che durante le pause pranzo i colleghi maschi portavano i clienti del SOM in locali di intrattenimento per soli uomini per fare networking e socializzare, ai quali lei non poteva partecipare. Una volta le è stato chiesto di non partecipare a una cerimonia di taglio del nastro perché «sembrava incinta». I colleghi maschi commentavano spesso il suo aspetto e i suoi vestiti. In un’occasione, Gordon Bunshaft, un collega del SOM, le disse: «Non puoi venire alla riunione se prima non vai a casa a cambiarti. Non mi piace il verde».

Tuttavia, il verde si è rivelato un colore fortunato per de Blois. La sede mondiale della Pepsi-Cola Corporation, costruita nel 1960, è stata acclamata dalla critica per le sue pareti esterne di vetro e alluminio grigio-verde, simili a un gioiello. Nel 1995 è stata nominata pietra miliare della città di New York.

Tra il 1980 e il 1993 è stata anche professore di architettura all’Università del Texas. Natalie De Blois ha lasciato un’eredità come sostenitrice diretta delle donne in architettura. Ha aperto la strada affinché le donne architetto fossero riconosciute come professioniste competenti piuttosto che come semplici «architette».

«Un architetto il cui lavoro si distingueva, anche se non lo faceva»

Alla sua morte, nel 2013, un necrologio del New York Times ha descritto la de Blois come «un architetto il cui lavoro si distingueva, anche se lei non lo faceva».

In questo necrologio, Beverly Willis, fondatrice e presidente della Beverly Willis Architecture Foundation, un’associazione senza scopo di lucro che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sul ruolo delle donne nell’ambiente costruito, ha dichiarato che all’epoca non c’era nessuna donna che lavorasse in uno studio prestigioso come SOM.

Willis ha aggiunto: «E, naturalmente, Natalie stava realizzando edifici più grandi e nel cuore di Manhattan. Erano edifici celebri che la stampa adorava, ma il nome di Natalie non veniva mai menzionato».

I suoi colleghi erano ben consapevoli del talento della de Blois. In un’autobiografia del 1974, Nathaniel Owings, uno dei fondatori di SOM, descrisse Natalie de Blois: «La sua mente e le sue mani lavoravano a meraviglia nel design – e solo lei e Dio sapranno mai quante grandi soluzioni, con l’imprimatur di uno degli eroi maschili di SOM, dovevano a lei molto più di quanto non fosse attribuito da SOM o dal cliente».

Un premio Pritzker mal indirizzato

https://architectuul.com/architect/natalie-de-

Tuttavia, altri si accorsero dell’eccellenza dei suoi disegni e ne approfittarono. Il socio d’affari di Natalie de Blois, Gordon Bunshaft, si è in seguito dichiarato responsabile di essersi preso tutto il merito del suo lavoro.

Quando nel 1988 Bunshaft vinse il Premio Pritzker, noto come «Oscar dell’architettura«, la commissione del premio descrisse la Lever House come: «Dice tutto quello che si può dire, con delicatezza, precisione, eleganza, con superfici di vetro, con nervature di acciaio… un risultato impeccabile».

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *