Nel romanzo bestseller The 100-Year-Old Man Who Climbed Out the Window and Disappeared, un pensionato svedese è stanco di essere sottovalutato a causa della sua età. L’affascinante protagonista Allan Karlsson decide di prendere il controllo. Esce dalla finestra in pantofole – e il resto è storia.

Attualmente circa un miliardo di persone nel mondo hanno più di 60 anni. Nel 2020, per la prima volta nella storia, il numero di persone di 60 anni o più supererà quello dei bambini al di sotto dei cinque anni. Anche l’età di qualcuno come Allan Karlsson non è più una novità. Le Nazioni Unite stimano che circa mezzo milione di persone in tutto il mondo sono centenari, e il loro numero è in aumento.

Questo cambiamento demografico è già palpabile in molte economie avanzate come la Germania e il Giappone. Ma anche il resto del mondo sta seguendo il corso: entro il 2050, l’80% degli anziani vivrà in economie a basso e medio reddito.

Mentre le vite si allungano grazie all’avanzamento delle cure mediche, le infrastrutture tecnologiche per facilitare la vita degli anziani sono sempre più al passo con il ritmo dell’invecchiamento globale.

Progettare un ambiente per una mobilità ottimale

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l’invecchiamento come «il processo di sviluppo e mantenimento della capacità funzionale che permette il benessere in età avanzata». Questa capacità funzionale implica la capacità delle persone anziane di soddisfare i loro bisogni fondamentali come imparare, crescere, prendere decisioni, costruire e mantenere relazioni, e contribuire alla società. Al centro di tutte queste attività c’è la mobilità.

La mobilità è il perno della salute e della qualità della vita non solo degli anziani, ma anche delle persone con disabilità fisiche o dei bambini più piccoli. Quindi, progettare un ambiente che ottimizzi la mobilità senza problemi e limiti le barriere per tutti è uno dei passi fondamentali per assicurare che nessuno sia lasciato indietro.

Soluzioni di accesso per la mobilità e la sicurezza in età avanzata

Invecchiare non è un processo semplice e le esperienze delle persone sono diverse le une dalle altre. Mentre un settantenne potrebbe essere un ultra-maratoneta, un altro potrebbe aver bisogno di assistenza nella sua vita quotidiana.

Per gli individui con capacità fisiche limitate, le porte presentano alcuni dei più comuni problemi di accessibilità, aggiungendo un significativo onere quotidiano a causa di alcuni problemi: possono essere troppo pesanti e richiedere troppa forza per aprirsi. Allo stesso modo, possono chiudersi troppo velocemente perché alcune persone possano passarci facilmente. Le persone che si muovono lentamente, con o senza dispositivi di mobilità come sedie a rotelle o ausili per la deambulazione, potrebbero non essere in grado di passare attraverso la porta abbastanza velocemente.

Le soluzioni per facilitare un’entrata e un’uscita senza problemi possono migliorare drasticamente la mobilità e quindi la capacità funzionale delle persone. Ma non devono essere complicate. Un chiudiporta, per esempio, può risolvere questi comuni problemi di accessibilità. Regolando un chiudiporta in base alle esigenze degli utenti, è possibile facilitare l’entrata e l’uscita in sicurezza.

Accesso e opportunità per gli anziani

Una vita più lunga implica opportunità, non solo per l’individuo che invecchia ma anche per le sue comunità. Vivere in ambienti con un’infrastruttura tecnologica adeguata che supporti e mantenga la propria capacità intrinseca e l’abilità funzionale è la chiave per un invecchiamento sano e sicuro. Quindi, le porte dovrebbero facilitare l’accesso, non renderlo più complicato.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *