L’ambiente edificato è uno dei principali responsabili del cambiamento climatico e attualmente genera circa il 40% delle emissioni globali annue. Poiché il mondo ha bisogno di 13.000 edifici al giorno per tenere il passo con la costante domanda dovuta alla rapida urbanizzazione e alla crescita della popolazione, alcuni di questi edifici stanno inevitabilmente invecchiando e hanno bisogno di essere sostituiti.

Quando un edificio supera la sua utilità e deve essere demolito, di solito lascia dietro di sé tonnellate di rifiuti. Nella sola Unione Europea, i rifiuti da costruzione e demolizione superano i 450 milioni di tonnellate all’anno. Circa tre quarti di questi rifiuti finiscono in discarica. Naturalmente, gli edifici più grandi, come i grattacieli, lasciano una massa maggiore di rifiuti.

Considerando che poiché la consapevolezza sul tema della sostenibilità ambientale è molto diffusa e che sono tante le aziende impegnate per un’economia circolare, stanno emergendo nuove soluzioni e approcci al riciclaggio dei grattacieli.

Vecchi grattacieli come fonte di materia prima

Come la maggior parte degli edifici moderni, i grattacieli sono composti da tre materie prime primarie: acciaio, vetro e cemento.

L’acciaio, un materiale essenziale per quasi tutti i tipi di infrastrutture, è riciclabile al 100%. Una trave d’acciaio utilizzata in edilizia può trovare nuova vita nelle ferrovie, nelle carrozzerie dei veicoli o in qualsiasi altro luogo in cui l’acciaio possa essere necessario. In effetti, questo è uno dei materiali più efficientemente riciclati al mondo. Infatti, solo l’1% circa dell’acciaio finisce in discarica.

D’altra parte, il vetro da costruzione (anch’esso riciclabile al 100%) e il calcestruzzo (riciclabile fino al 60%) finiscono tipicamente in discarica senza essere riutilizzati.

Case study: riciclaggio di un edificio per uffici di 14 piani ad Amsterdam

Ad Amsterdam, quando un edificio di 14 piani noto localmente come «accendisigari» è arrivato alla fine del suo ciclo di vita, Michel Baars, un ingegnere ambientale, ha capito che il grattacielo poteva continuare a vivere su se stesso, ma in una nuova forma ricostruita.

Baars, che dirige un’azienda di demolizioni circolari chiamata New Horizon, si descrive come un «minatore urbano», ovvero estrae materie prime da infrastrutture ed edifici dismessi e ne trova nuovi mercati e usi.

Demolendo con cura l'»accendino», Baars e il suo team hanno smontato e imballato parti dell’edificio di 14 piani. Partendo dalla cima, hanno rimosso la facciata in vetro e hanno avviato tutto al riutilizzo.

Una volta che il team di New Horizon ha raggiunto lo scheletro dell'»accendisigari», sono stati utilizzati acqua ad alta pressione e seghe diamantate per tagliare colonne, pavimenti e uno spesso pilastro interno che attraversava la spina dorsale dell’edificio. Il New York Times ha lodato questi sforzi come «un raro esempio di pensiero circolare che si materializza nel mondo reale».

Nel novembre 2021, il governo della città di Amsterdam, uno dei paesi all’avanguardia nell’innovazione e sensibile al tema della sostenibilità, ha annunciato l’intenzione di costruire un quinto dei nuovi progetti abitativi con materiali da costruzione riciclati a partire dal 2025.

Dalla spazzatura al tesoro per un futuro urbano più luminoso

Uno studio di McKinsey suggerisce che la progettazione circolare potrebbe far risparmiare ai produttori dell’UE ben 630 miliardi di dollari all’anno. Non c’è dubbio che un approccio «cradle-to-cradle » nei nostri edifici sia un modo eccellente per avviare questa trasformazione.

Come dimostra la storia di un grattacielo riciclato ad Amsterdam, i vecchi edifici non sono rifiuti. Possono assumere nuove forme e le loro materie prime possono essere utilizzate per costruire le nostre infrastrutture e le città di domani.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *