Entro il 2050, il 70% dei previsti 10 miliardi di abitanti del mondo vivrà nelle città, il che significa circa 7 miliardi di abitanti urbani, rispetto ai 4,4 miliardi di oggi.

La maggior parte di questo boom di urbanizzazione avrà luogo nelle economie emergenti come Cina, India e Indonesia. Anche se questi Paesi vantano aree vaste di terreno, potrebbero comunque faticare ad accogliere questa crescita urbana in termini di edifici da costruire.

Secondo alcune stime, se questi tre giganti asiatici dovessero diventare urbanizzati come gli Stati Uniti nei prossimi decenni, la Cina dovrebbe costruire l’equivalente di tre Stati Uniti, l’India cinque Stati Uniti e l’Indonesia più di due Stati Uniti, per un totale di oltre 10 Stati.

Di fronte a queste acute sfide di progettazione urbana, molti urbanisti e visionari hanno iniziato a proporre una nuova soluzione: le città verticali.

Città verticali

Cos’è una città verticale?

Una città verticale è un intero habitat umano contenuto in un edificio altissimo o in una rete interconnessa di edifici altissimi; pertanto, non deve essere confusa semplicemente con un centro urbano denso con molti grattacieli.

L’idea alla base di una città verticale, quella di risparmiare risorse e di essere vicini a tutto, non è una novità. Oltre 2.000 anni fa, a Cartagine, che si trova nell’odierna Tunisia, esisteva già un centro residenziale stretto con edifici alti fino a sei piani. Grazie al progresso delle tecnologie architettoniche, l’altezza degli edifici continuava a salire.

Tuttavia, è stato un edificio moderno come il Burj Khalifa di Dubai, che ha la capacità di ospitare 100.000 persone nella sua struttura di 160 piani, a svegliare i visionari. La Cina, che ospita il maggior numero di edifici altissimi al mondo, ha seguito la strada fino al 2022.

Vantaggi e sfide di una città verticale

Soprattutto perché devono essere costruiti con le tecnologie architettoniche più all’avanguardia, gli edifici ultra alti sono tra le soluzioni urbanistiche più sostenibili. Contribuiscono positivamente all’ambiente evitando la perdita di terreni agricoli e riducendo l’inquinamento atmosferico, il fabbisogno energetico, le distanze di spostamento e la dipendenza dalle strade.

Anche se una città verticale può evocare immagini post-apocalittiche e desolanti di completo isolamento, con le giuste caratteristiche progettuali può essere vero il contrario. Le strutture delle città verticali possono essere caratterizzate da «foreste verticali» con decine di migliaia di alberi, splendidi sky garden e ponti, tetti verdi e un impegno deciso per gli spazi pubblici.

D’altra parte, costruire l’utopica città verticale in modo corretto e sostenibile richiede una quantità straordinaria di fondi e risorse e, quindi, non è facilmente realizzabile.

Alcuni sostengono anche che le città verticali potrebbero accelerare i rischi di isolamento e di malattie mentali e potrebbero contribuire ad accelerare la diffusione di potenziali malattie. I venti forti ad altezze estreme sono noti anche per causare disturbi simili al mal d’auto.

Conclusioni

Non è un caso che ogni film di fantascienza, da Metropolis a Blade Runner fino a Guerre Stellari, preveda una città del futuro densa e sviluppata su più livelli», ha dichiarato al Guardian Anthony Wood, presidente del Council of Tall Buildings and Urban Habitat. «Il motivo è che ha assolutamente senso.

Nessuna soluzione è in grado di affrontare da sola le maggiori sfide del mondo, come il cambiamento climatico, il boom dell’urbanizzazione o la distribuzione delle risorse, e le città verticali non fanno eccezione.

In molti luoghi con economie in crescita ma bassa densità di popolazione, come ad esempio l’Australia, la Mongolia o il Botswana, le città verticali probabilmente non saranno mai necessarie.

Tuttavia, data l’urgenza e la portata dei nostri problemi globali, le città verticali faranno probabilmente parte dell‘ecosistema di una vasta gamma di soluzioni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *