Nonostante molti la ritengano una recente novità, l’intelligenza artificiale (IA) esiste da oltre 60 anni. L’informatico americano John McCarthy, conosciuto come il «Padre dell’artificiale coniò il termine «intelligenza artificiale» negli anni ’50, portando i ricercatori di tutti gli Stati Uniti a scavare nell’apprendimento informatico per elaborare equazioni e teoremi.

Negli anni ’60, gli informatici cominciarono a creare macchine simili ai robot, e il primo robot umanoide fu costruito in Giappone nel 1972. Purtroppo, è stato difficile per gli scienziati andare oltre a causa della mancanza di progressi nella tecnologia dei dati, e il periodo tra la metà degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’90 ha visto un serio calo di sviluppo.

Ma negli anni ’90 i computer sono diventati più avanzati. La tecnologia e le capacità dell’IA sono decollate, e da allora continuano a salire alle stelle. La tecnologia intelligente ha rivoluzionato innumerevoli settori negli ultimi decenni e ora l’architettura si sta dirigendo verso un vero lifting tecnologico.

L’intelligenza artificiale in architettura

L’adozione dell’IA, soprattutto nelle industrie creative, ha i suoi ostacoli. Alcuni designer sono preoccupati che l’intelligenza artificiale (IA) possa sostituire i lavoratori umani. Dato che lo scopo dell’intelligenza artificiale è quello di creare macchine o programmi capaci di auto-gestione e di apprendimento, questa preoccupazione è logica. Tuttavia, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che l’IA ha il potenziale per rendere l’architettura più facile, più efficiente e ancora più sicura.

I computer sono eccellenti nel risolvere i problemi con risposte chiare; snocciolando i dati e svolgendo compiti ripetitivi, gli esseri umani sono più liberi di essere creativi e di lavorare su problemi più aperti come quelli della progettazione architettonica.

A tal fine, ecco sette modi in cui l’ intelligenza artificiale sta cambiando il settore dell’architettura.

1. 1. Esplorare una migliore efficienza degli edifici

Gli strumenti e i programmi software possono ora rendere i calcoli edilizi e l’analisi ambientale un compito semplice. Oggigiorno ci sono così tanti dati a portata di mano di un architetto che gestire informazioni come la temperatura e i dati meteorologici, le valutazioni dei materiali e altro ancora, può risultare complicato.

La tecnologia intelligente offre agli architetti anche un modo per integrare la sostenibilità nei loro progetti. Soluzioni come l’illuminazione intelligente o i sistemi intelligenti di gestione delle acque piovane possono essere elaborati in fase di progetto, garantendo una migliore sostenibilità fin dall’inizio.

Niente di tutto questo era possibile anche dieci anni fa. Ma man mano che la tecnologia diventa sempre più pervasiva, permette alle realtà più piccole di intraprendere progetti più grandi, poiché possono attingere a Internet e a tutte le risorse a portata di mano per sviluppare proposte.

2. 2. Passare dal punto A al punto B più velocemente

building information modelling

Quando si tratta di progettare un edificio, prendere scorciatoie potrebbe non essere una buona idea. Ma l’intelligenza artificiale può ridurre significativamente il tempo necessario per pianificare e progettare una struttura attraverso il Building Information Modeling (BIM).

La progettazione assistita da computer (CAD) è stata fondamentale per la creazione di modelli 2 e 3-D di edifici, ma il BIM fa un ulteriore passo avanti e incorpora informazioni sul prodotto, tempi e costi, dando all’architetto l’intera portata di un progetto. Il BIM lavora con altri programmi software di progettazione per dare un quadro completo di una struttura che comprende la progettazione concettuale, la progettazione dettagliata, l’analisi, la documentazione, la fabbricazione, la costruzione, il funzionamento e la manutenzione una volta che l’edificio è stato costruito, e anche i piani di ristrutturazione o demolizione.

Facendo leva in modo appropriato, l’Intelligenza artificiale può prendere quei dati e identificare tendenze o inefficienze, consentendo agli architetti di progettare lavori migliori e più duraturi senza perdere altrettanto tempo nell’analisi dei dati.

3. 3. Camminare con i clienti attraverso una struttura prima che venga costruita

Augmented Reality

Proprio come nella Realtà Virtuale, la realtà aumentata ha preso d’assalto l’industria dei videogiochi, e ora sta trovando un posto nell’architettura e nel design. Le aziende possono permettere ai clienti di avere un’esperienza del mondo reale con l’edificio che propongono, senza bisogno di fare un passo indietro. È possibile simulare tutto, dall’estetica ai suoni, e il feedback può essere implementato nel progetto immediatamente prima che il denaro sia stato speso per i materiali o la costruzione.

4. 4. Aggiornare il processo di costruzione

Circa il sette per cento della forza lavoro mondiale è nel settore delle costruzioni, eppure è tradizionalmente uno dei settori tecnologicamente meno avanzati. Ma c’è un grande potenziale per l’integrazione dell’IA nell’edilizia, e potrebbe ridurre i costi di costruzione fino al venti per cento.

Oltre a utilizzare macchinari da costruzione autonomi o semi-autonomi per aiutare nei lavori di scavo e di preparazione, i computer possono analizzare i cantieri e identificare i potenziali fattori di rischio, diminuendo i rischi per la sicurezza e i ritardi che potrebbero creare.

5. 5. Rendere gli edifici più sicuri

Le aziende, gli uffici e i campus usano da tempo la videosorveglianza per monitorare chi va e chi viene, ma l’elevato volume di materiale video raccolto fa sì che le cose possano sfuggirci se non c’è nessuno che passa attraverso il video. Un sistema di sicurezza intelligente integrato in un edificio, invece, è in grado di scansionare rapidamente e rilevare automaticamente le attività sospette e di inviare avvisi ai proprietari degli edifici.

L’IA può essere utilizzata anche sotto forma di sistemi di chiusura intelligenti, che possono limitare l’accesso a determinate aree, a meno che l’utente non sia in possesso di una keycard o di un codice.

6. 7. Ottimizzare la manutenzione degli edifici

Le piattaforme di gestione dell’energia basate sull’intelligenza artificiale possono determinare i modelli di utilizzo per creare le condizioni ideali per gli inquilini, sia per risparmiare energia che per risparmiare denaro. Il termostato Nest è un esempio di un sistema di questo tipo che è diventato popolare tra i consumatori: si adatta a mantenere un edificio ad una temperatura sicura e ottimale, e può avvisare gli utenti se la temperatura scende o sale ad un livello pericoloso.

I dispositivi AI possono anche rilevare e analizzare i dati dei sensori per monitorare perdite o malfunzionamenti. Essi rendono più facile che mai tenere sotto controllo le prestazioni e l’efficienza di un edificio.

7. Ispirare il design per l’interazione su larga scala

In tutto il mondo, i feed video raccolgono dati sul comportamento delle persone e sui modelli di utilizzo. Ad esempio, l’IA viene già utilizzata per ottimizzare il flusso nei musei e negli aeroporti. Portando questo al livello successivo, le aziende potrebbero progettare edifici che si integrano per creare intere smart city in base al modo in cui le persone interagiscono con l’ambiente circostante e a come si sentono negli spazi pubblici.

Dalla Grande Muraglia Cinese alle Piramidi Egiziane, l’innovazione architettonica è stata tutta incentrata sulla valorizzazione della tecnologia disponibile. Con l’evoluzione delle esigenze umane e della tecnologia, l’intelligenza artificiale è pronta a portare le conquiste architettoniche dell’umanità a un livello superiore.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *