I pronipoti  (the Jetsons), il cartone animato futurista degli anni ’60 realizzato negli Stati Uniti, raffigurava l’omonima famiglia che viveva nell’appartamento di Skypad nell’anno 2062, in una città chiamata Orbit. La famiglia di quattro persone – e il loro cane – vivevano una vita tranquilla in una casa intelligente, con tanto di domestica robot, macchine volanti e altre invenzioni stravaganti. In un’epoca in cui milioni di persone aspiravano a vivere in una delle periferie in crescita esponenziale, la rappresentazione da parte dei Jetsons di una famiglia benestante che viveva in una casa multifamiliare nel mezzo di una città poteva essere un’idea stravagante per molti. Tuttavia, si è scoperto che la previsione del cartone animato sul futuro non era del tutto imprecisa.

Dopo le trasformazioni socio-economiche conseguenti alla crisi finanziaria del 2008, la domanda di alloggi multifamiliari continua a crescere. Mentre le persone nelle economie avanzate lasciano le periferie a favore delle città, tra il 2010 e il 2016 si è registrato un aumento del 143 per cento del volume degli investimenti in alloggi multifamiliari in Europa. Poiché si prevede che 70 milioni di europei si trasferiranno nei centri urbani nei prossimi 30 anni, la domanda continuerà probabilmente a crescere. Allo stesso modo, la National Apartment Association degli Stati Uniti ha recentemente riferito che entro il 2030 avranno bisogno di circa 4,6 milioni di nuove unità multifamiliari per soddisfare la domanda.

Inarrestabile aumento delle case intelligenti

Smart City, case multifamiliari

La digitalizzazione sta causando trasformazioni radicali e su larga scala nella vita pubblica, commerciale e privata. Poiché le tecnologie digitali e l’automazione disturbano tutti i ceti sociali, l’esperienza quotidiana in una proprietà multifamiliare non fa eccezione.

Nei Jetsons, le tecnologie di IA sono in pieno boom, aiutando i residenti dell’appartamento Skypad ad automatizzare le loro faccende domestiche. Ciò fa eco alle tendenze di digitalizzazione in corso per la vita multifamiliare. Dalle lampadine intelligenti alle lavatrici collegate, l’automazione penetra nell’architettura della vita quotidiana.

Non sorprende che il valore della domanda globale per il mercato dell’automazione domestica dovrebbe passare da 48 miliardi di dollari nel 2018 a 102 miliardi di dollari nel 2025. I fattori chiave di questa crescita sono l’evoluzione delle preferenze dei consumatori per collegare l’intrattenimento, la sicurezza, l’illuminazione e l’HVAC (riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria).

Anche se le case intelligenti più avanzate possono non essere la norma per le masse, le tecnologie che rendono intelligente una casa multifamiliare, continuano ad evolversi, semplificandosi e diventando più accessibili. Insieme alla costruzione di milioni di nuovi alloggi multifamiliari in tutto il mondo, è solo una questione di tempo prima che la maggior parte delle case siano completamente o parzialmente intelligenti e automatizzate.

L’architettura digitale per sfruttare i vantaggi delle case plurifamiliari

La connettività è il pilastro delle case intelligenti. Proprio come un vero e proprio pilastro, la connettività deve essere pianificata ed eseguita in base alle esatte esigenze architettoniche: troppi pilastri sovraccaricheranno il progetto di un edificio e lo renderanno inefficiente. Allo stesso modo, una connettività disordinata tra diversi sistemi all’interno di un complesso può portare a inefficienze e confusione, vanificando lo scopo dell’automazione.

Le case plurifamiliari beneficiano quindi di un’architettura digitale che consolida tutti i compiti automatizzati. Una soluzione digitale centralizzata è attualmente un’applicazione che si trova sul vostro dispositivo mobile, che può funzionare come un sistema di controllo degli accessi basato su cloud potenzialmente ridotto con un aggregatore di soluzioni di altri ‘dispositivi’ come termostati, elettrodomestici e rilevatori di perdite. I complessi multifamiliari con queste caratteristiche digitali non solo migliorano la sicurezza e il comfort per i residenti, ma aggiungono anche un valore immobiliare e operativo alle persone che li costruiscono e li vendono.

Anche le persone che vivono in complessi multifamiliari digitalizzati riportano una qualità di vita più elevata. Da un sondaggio è emerso che l’86 per cento degli affittuari millenari e il 65 per cento degli affittuari del baby boomer sono disposti a pagare di più per un’unità automatizzata. Inoltre, quando i dispositivi intelligenti come i termostati e l’illuminazione sono gestiti tramite un’applicazione centralizzata, c’è un maggiore controllo dell’utilizzo dei servizi, con conseguenti risparmi sui costi e sul budget. In definitiva, la digitalizzazione dei complessi multifamiliari abbassa i costi e aumenta il reddito operativo netto per i proprietari.

La tecnologia per assistere il cambiamento delle abitudini dei consumatori

In tutto il mondo, grazie alla crescente connettività, le abitudini dei consumatori stanno rapidamente cambiando. Non sono più solo il postino e gli strani vicini a bussare alla porta. Gli ordini provenienti dai servizi di consegna online sono ai massimi livelli di tutti i tempi. Solo nel 2020 il traffico dei principali rivenditori online è aumentato del 125%. Ogni giorno, questi rivenditori consegnano milioni di pacchi a domicilio. Inoltre, grazie alla digitalizzazione, i servizi essenziali come la consegna di alimenti, il taxi, le pulizie, la cura dei bambini o degli animali domestici sono più accessibili che mai.

Poiché le applicazioni di controllo dell’accesso basate sul cloud possono essere integrate con questi fornitori di servizi, le case plurifamiliari possono rispondere a queste mutevoli abitudini dei consumatori consentendo ai residenti di esternalizzare queste attività.

In un edificio ad alto traffico frequentato da servizi di consegna o di pulizia, le applicazioni di controllo accessi basate sul cloud aiutano a gestire i problemi relativi alla sicurezza.

I residenti possono fornire una chiave digitale per autorizzare l’ingresso dei fornitori di servizi, ma revocare l’accesso in caso di necessità. Il tutto lasciando un’impronta per futuri controlli, se necessario. Tutto sommato, oltre all’ingresso senza problemi per i residenti, un’architettura digitale centralizzata consente alle comunità di monitorare e gestire meglio l’accesso dei fornitori e dei visitatori alle unità abitative e agli spazi di servizio di un appartamento. Ciò consente di risparmiare tempo e fatica sia per i residenti che per i visitatori, senza compromettere la sicurezza.

(Peccato che i Jetsons non avessero un’applicazione in quanto tale nel loro complesso multifamiliare. Se l’avessero avuta, la famiglia avrebbe potuto assumere un dog-walker regolare per Astro invece di fargli fare esercizio sul tapis roulant ad alta tecnologia a casa!)

Case plurifamiliari digitalizzate per comunità più forti

case multifamiliari

Poiché le città sono sempre più affollate e la digitalizzazione si fa sempre più intensa, non è raro che gli abitanti delle città provino un senso di perdita di connessione con la comunità. Tuttavia, quando gli abitanti degli alloggi multifamiliari usano le soluzioni giuste, spesso è vero il contrario. Ma le preoccupazioni relative alla sicurezza riescono a smorzare lo spirito di una comunità. Soprattutto se i residenti di un grande complesso non si conoscono tra loro, il senso di disagio e di diffidenza può essere maggiore. Uno studio ha rilevato che il 63 per cento dei residenti si trasferirebbe da un appartamento a causa della scarsa sicurezza.

Se da un lato le soluzioni digitali all-in-one forniscono livelli di sicurezza avanzati, dall’altro sono anche efficienti strumenti di gestione della comunità. A differenza dei volantini e degli opuscoli che si accumulano nel cestino senza essere mai notati, una bacheca digitale è in grado di inviare le notifiche più importanti in modo rapido ed efficiente. In questi tempi incerti, la comodità di connettersi con i vicini favorirà un senso di comunità di cui c’è molto bisogno. Utilizzando un’applicazione basata sulla comunità, i residenti degli alloggi multifamiliari possono scoprire le attività commerciali locali, tenersi aggiornati sulla vita dei vicini e partecipare agli eventi della comunità.

A differenza di The Jetsons, non ci sono ancora macchine volanti o jetpack (anche se ora stiamo vedendo i jetpack diventare disponibili su internet – il futuro è ora…). Tuttavia, molte delle tecnologie che erano nel cartone animato stanno già maturando (come i jetpack!). Dai robot per la pulizia della casa agli smartphone, le tecnologie di automazione e digitalizzazione stanno inaugurando una nuova era di connettività, e l’era dell’oro della convenienza e della sicurezza per alloggi multifamiliari è alle porte.

Dopo le trasformazioni socio-economiche conseguenti alla crisi finanziaria del 2008, la domanda di alloggi multifamiliari continua a crescere. Mentre le persone nelle economie avanzate lasciano le periferie a favore delle città, tra il 2010 e il 2016 si è registrato un aumento del 143 per cento del volume degli investimenti in alloggi multifamiliari in Europa. Poiché si prevede che 70 milioni di europei si trasferiranno nei centri urbani nei prossimi 30 anni, la domanda continuerà probabilmente a crescere. Allo stesso modo, la National Apartment Association degli Stati Uniti ha recentemente riferito che entro il 2030 avranno bisogno di circa 4,6 milioni di nuove unità multifamiliari per soddisfare la domanda.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *