Il Giappone sta probabilmente attraversando la più grande sfida demografica della storia moderna. Dopo aver indugiato intorno alla crescita zero all’inizio del XXI secolo, la popolazione giapponese ha continuato a ridursi dal 2010, con un’accelerazione negli ultimi anni.

Nel 2022, la nazione insulare, con una popolazione di circa 125 milioni di abitanti, ha registrato il calo demografico maggiore a causa della combinazione di 811.604 nascite e 1.439.809 decessi. Entro il 2065, la popolazione scenderà a 88 milioni, con un calo del 30% in poco più di quattro decenni.

Nel frattempo, il Giappone è anche il paese più vecchio del mondo dopo Monaco (che ospita solo 40.000 persone), con il 29% dei suoi cittadini di 65 anni o più. Grazie alla famosa longevità giapponese, 12,35 milioni di persone hanno più di 80 anni e ci sono oltre 90.000 centenari.

La contrazione della forza lavoro implica che le città, soprattutto quelle regionali, potrebbero andare incontro a un lungo e lento declino economico. Oltre a questa sfida demografica, il Giappone è un Paese a rischio di disastri ecologici, regolarmente colpito da terremoti e tsunami.

Smart city per trasformare la crisi in opportunità

Il Giappone è all’avanguardia nella digitalizzazione, nell’innovazione e nell’urbanizzazione. Il Paese dell’Asia orientale è il luogo di nascita di molti giganti della tecnologia e di colossi industriali come Panasonic e Toyota. Ora il Giappone sta guidando la corsa alla costruzione di smart city partendo da zero o aggiornando le infrastrutture esistenti.

È ampiamente dimostrato che le case e le città intelligenti sono molto più attrezzate per soddisfare le esigenze degli anziani, tra cui l’alloggio, la partecipazione sociale, l’assistenza sanitaria, i servizi di supporto alla comunità, il tempo libero e la cultura. Oltre a migliorare la qualità della vita degli anziani, le smart city accelerano la resilienza climatica e mitigano i rischi di disastri naturali.

Fujisawa Sustainable Smart Town: un laboratorio per vivere e invecchiare in modo sano

Fujisawa SST, lanciata nel 2014 sul sito di uno stabilimento Panasonic chiuso cinque anni prima, è uno dei più brillanti esempi di trasformazione di una crisi in un’opportunità.

La città ospita oggi più di 2.000 residenti, la maggior parte dei quali vive in case altamente tecnologiche basate sull’energia rinnovabile. Possono utilizzare la piattaforma online del Fujisawa SST per prenotare trasporti elettrici o assistenza logistica. La città ha anche iniziato a sperimentare con successo l’uso di robot per rispondere alle esigenze dei residenti.

«Le strutture, le abitazioni e le infrastrutture diventano obsolete con il tempo, anche nelle città intelligenti dotate delle più recenti tecnologie», spiega a Nature Takeshi Arakawa, presidente di Fujisawa SST Management Company. «Per raggiungere uno sviluppo sostenibile, dobbiamo evolverci costantemente e avere una resilienza flessibile in risposta ai cambiamenti della società e della tecnologia».

Ispirare il futuro della vita urbana alla maniera giapponese

Altre città del Giappone, come Yokohama, Fukuoka e la capitale Tokyo, stanno guadagnando o si apprestano a guadagnare nuove smart city sostenibili. Nonostante la diminuzione della popolazione giapponese, il mercato delle tecnologie dedicate alle smart city è in rapida crescita e avanzamento.

Non c’è dubbio che poche nazioni al mondo abbiano una storia di creazione di nuove città da zero come il Giappone. Mentre il Paese sta cercando di affrontare una trasformazione demografica senza precedenti, ha anche l’ambizione di esportare progetti di smart city nel resto del mondo, cambiando forse il futuro dell’urbanistica.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *