Sono finiti i giorni degli uffici separati o degli orari di lavoro “scolpiti nella pietra”. È tempo di open-space, Flex Office e coworking. I nostri metodi di lavoro stanno cambiando irrevocabilmente. Questi cambiamenti si ripercuotono sul mercato del real estate commerciale, che negli ultimi decenni si è completamente reinventato.

Il settore del real estate commerciale è stato prima influenzato dalla digitalizzazione, poi dagli standard e dalle nuove etichette ecologiche e, infine, dalle esigenze in evoluzione dei locatari e degli utenti. Oggi, deve adattarsi alla crisi sanitaria.

Secondo un sondaggio del 2020 di Jones Lang Lasalle, una società di consulenza immobiliare commerciale, il 66% delle aziende intervistate ha pianificato di rendere il telelavoro una norma. In questo articolo diamo uno sguardo al futuro del settore post-pandemia, coinvolgendo quattro esperti del settore edile, project manager e progettisti.

La caccia allo spazio nel real estate commerciale

Più telelavoro significa meno spazio di lavoro che implica anche meno richiesta di elementi di arredi degli uffici, dalle sedie alle scrivanie, alle lampade, al divano ad angolo. Quando i rischi per la salute una preoccupazione per tutti e quando ogni euro risparmiato è benvenuto, l’era della «miniaturizzazione» negli uffici diventa una mossa logica.

Così, per Denis Gallois, ingegnere dell’AR-C, se la costruzione di uffici dovesse continuare nonostante la pandemia da Covid-19, questa comporterà una riduzione degli spazi.

Gli uffici saranno più versatili. Gli impiegati riserveranno il loro ufficio un po’ come si riserva un posto a teatro o un campo da tennis. Avranno anche sempre meno spazio proprio, ma i diversi uffici apparterranno, in un certo senso, a tutti gli impiegati.

Denis Gallois, ingegnere presso AR-C, uno studio francese di progettazione di facciate e edifici

Laurent Gobert, direttore dello sviluppo di GDG Investissements, fa eco a questa osservazione: il telelavoro ha un impatto sull’uso dello spazio dell’ufficio. Ma Gobert sottolinea che i cambiamenti di questi metodi di lavoro non portano necessariamente a una riduzione della quantità di spazio richiesto. Ora sono necessari più metri quadrati per dipendente. Così, le aree comuni destinate ai servizi stanno crescendo in modo esponenziale.

«Di fronte ai cambiamenti nei metodi di lavoro, soprattutto con l’introduzione del telelavoro, i clienti cercano meno spazio dedicato agli uffici», dice Gobert. «Ma questi metri quadrati che si potrebbe pensare siano andati persi per i nostri edifici vengono riallocati in spazi di servizio, che sono in aumento, come le aree per lo sport e il tempo libero e i business center».

Reinventare la vita in cantiere

real estate commerciale

La riorganizzazione degli spazi di lavoro non è l’unica conseguenza della crisi sanitaria sul mercato del real estate commerciale. Stanno cambiando anche i cantieri, dove il rispetto delle distanze e la protezione dei lavoratori hanno un impatto significativo.

Secondo Annie Jory, direttore commerciale dell’AE75, una società di analisi economia del settore edile, la crisi sanitaria ha scosso l’organizzazione dei cantieri. «La base abitativa deve essere allargata; i lavoratori devono evitare di incrociarsi; bisogna gestire le mascherine per tutti e congelare il budget», dice.

Al di là dell’aspetto organizzativo, questi vincoli sanitari hanno generato alti costi aggiuntivi. Più della metà delle aziende (55%) ha avuto margini di profitto ridotti proprio a causa loro, secondo uno studio di Wizzcad. Tuttavia, c’è un lato positivo.

«Con la crisi, la digitalizzazione delle riunioni si è accelerata. Ora possiamo organizzare videoconferenze che sono efficienti ed evitare di perdere tempo per andare all’ufficio dell’architetto o del contract», dice Jory.

Soprattutto considerando come il settore delle costruzioni sia molto in ritardo nella digitalizzazione, Jory sottolinea un punto importante.

L’era delle soluzioni innovative

Per Adriana Cavagna, architetto di Hardel Le Bihan, la pandemia accelererà profondamente l’uso di soluzioni innovative per la progettazione di uffici.

In termini di BMS (Building Management System), un dipendente sarà presto in grado di controllare l’ascensore da uno smartphone senza premere un pulsante. Potrà muoversi liberamente senza toccare nessuna maniglia, grazie all’automazione delle porte. Così, le cabine dell’ascensore saranno più espansive; i materiali di superficie saranno antibatterici, lo sciacquone del bagno sarà automatico.

Queste innovazioni permetteranno agli uffici post-pandemici di essere timbrati con una delle etichette di «sicurezza sanitaria». Questi includono la certificazione Dekra, Socotec, Afnor, e altri, creati in risposta alla crisi sanitaria. Queste etichette comunicheranno ai loro dipendenti e clienti gli approcci delle aziende che rispettano le norme sanitarie.

Il settore del real estate commerciale sta dimostrando ancora una volta la sua agilità

sedie, Furniture, divani,real estate commerciale

Infine, Michael Nakache, specifier architettonico di dormakaba France, rivela: «In questi tempi dettati da metodi di lavoro modificati e da una crisi sanitaria lontana dall’essere risolta, il settore del real estate commerciale deve ancora una volta mostrare agilità».

E Aude Thiebe, responsabile marketing e fidelizzazione, conclude: «Per ovvie ragioni di scambio, creazione, efficienza, condivisione delle informazioni, l’ufficio rimane e rimarrà – Covid o no – lo spazio privilegiato del legame sociale nelle aziende.»

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *