Mentre i loro aerei atterrano all’aeroporto di Zurigo, i passeggeri possono intravedere una struttura a forma di boomerang che avvolge un’area verde di 80.000 metri quadrati e un attraente complesso che soddisferà tutte le loro esigenze. Quello che i viaggiatori possono vedere è The Circle, un complesso di alto livello che offre servizi innovativi a pochi passi dai terminal. Completato nel 2020, è l’ultimo nato nel più grande aeroporto internazionale della Svizzera.

«Cercate i terminal ferroviari più trafficati di ieri e troverete i grandi centri urbani di oggi. Cercate i più grandi aeroporti di oggi e troverete i grandi centri urbani di domani», scrive John D. Kasarda, un accademico statunitense che ha studiato per decenni lo sviluppo economico guidato dall’aviazione.

Costruito secondo questa visione, The Circle è più una micro-città che un business center o un terminal aeroportuale che contiene spazi per uffici e mercati, oltre a locali gastronomici e culturali, e a un parco pubblico.

The Circle: un’immersione nella cultura svizzera

Il brief di progettazione del progetto aveva tre requisiti: avere un’anima svizzera, sorprendere ed essere connesso con il mondo. L’architetto Riken Yamamoto ha interpretato il primo requisito con precisione, che si riflette in un design elegante con colonne sottili e un’urbanistica all’avanguardia.

Gli edifici high-tech del complesso hanno tratto ispirazione dalle città svizzere medievali, centri commerciali e culturali che attiravano visitatori di ogni provenienza e interesse.

Pur mantenendo lo stesso fascino e lo stesso spirito, The Circle è dotato delle caratteristiche architettoniche e di design più avanzate, adatte ai nuovi stili di vita dei viaggiatori del XXI secolo.

Sensibilità sull’ambiente considerato, la micro-città vanta un LEED® PLATINUM, il più alto standard assegnato dalla Leadership in Energy and Environmental Design (LEED). Ciò implica costruzione sostenibile, efficienza idrica, energia e atmosfera, materiali e risorse, qualità dell’ambiente interno, ubicazione e sviluppo innovativo.

Uno stile di vita all’interno di una destinazione

Con un investimento di 1,3 miliardi di dollari, The Circle è il più grande progetto di sviluppo commerciale realizzato in Svizzera fino ad oggi. Situato a 10 minuti di treno dal centro di Zurigo, il complesso residenziale e commerciale si trova a pochi passi dal terminal.

Su una superficie di 180.000 m2, l’architetto Riken Yamamoto ha avuto un approccio equilibrato per le diverse esigenze. All’interno, ci sono strutture per Salute e Bellezza (10.000 m2), Educazione e Formazione (8.500 m2), Cultura ed Eventi (5.000 m2), Brands e Dialogue (17.000 m2), Consulenza e Servizi (7.000 m2), Alberghi e Appartamenti (45.000 m2), Sede Centrale e Uffici (70.000 m2), e uno spazio di stoccaggio (15.000 m2).

Le autorità svizzere ritengono che soprattutto le funzioni artistiche e gli eventi, che richiamano gli amanti del lusso e dell’avanguardia, attireranno nuovi visitatori e creeranno più collegamenti in città.

«The Circle incorpora molti concetti altamente innovativi per il commercio al dettaglio e la ristorazione che avranno un impatto sulla crescente popolarità di Zurigo», dice Martin Sturzenegger, direttore di Zurigo Turismo.

Zurigo avrà nuovi impulsi e si farà conoscere meglio, soprattutto per quanto riguarda le eventi e convention.

Martin Sturzenegger, direttore Turismo Zurigo .

The Circle faciliterà la crescita e la cooperazione

Un ampio gruppo di ricerche rivela che l’aviazione è un facilitatore cruciale della connettività e della cooperazione globale. I buoni aeroporti e le loro strutture favoriscono lo sviluppo sociale ed economico a livello locale e regionale.

Si tratta di un’iniziativa pionieristica; il concetto di città aeroportuale, ma a livello globale.

Stephan Widrig, CEO dell’aeroporto di Zurigo, a proposito di The Circle.

Stephan Widrig, CEO dell’aeroporto di Zurigo, ritiene che gli aeroporti abbiano la responsabilità fondamentale di ispirare il futuro non solo delle città, ma anche del pianeta e spesso fungono da ponte tra oggi e il domani. E aggiunge: «L’aviazione sta collegando persone ed economie in un mondo che è diventato un unico pianeta globale. La popolazione sta crescendo e continuerà a farlo. Anche le sfide globali – come l’azione per il clima, le migrazioni o le pandemie – hanno bisogno di un mondo che sia strettamente connesso per affrontare queste sfide comuni».

Horváth & Partners, una società di consulenza manageriale internazionale, è tra le aziende che si trasferiranno a The Circle, con l’intenzione di accelerare la sua crescita. «Il nuovo ufficio ci fornisce un’infrastruttura ottimale, un vantaggio logistico (vicinanza all’aeroporto) e consente un’ulteriore crescita», ha dichiarato Ulrich Teuscher, country manager svizzero di Horváth & Partners.

In un’epoca in cui la mobilità e la connessione sono più importanti che mai, sviluppi all’avanguardia come The Circle sono destinati a inaugurare una rinascita del XXI secolo sia nel mondo degli affari che nella cultura.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *