Gli edifici purtroppo contribuiscono in parte all’aumento sconcertante attuale dei tassi di riscaldamento globale. Poiché costituiscono il 39 per cento delle emissioni mondiali di carbonio, non è possibile arrestare l’aumento catastrofico della temperatura senza rendere gli edifici più ecologici. Per fortuna, la proliferazione di costruzioni a energia quasi zero sta facendo esattamente questo, trasformando la responsabilità ambientale in un’opportunità.

Il settore dell’edilizia stanno crescendo così rapidamente che nei prossimi 40 anni il mondo aggiungerà 230 miliardi di metri quadrati di nuove costruzioni, l’equivalente di un’altra Parigi ogni settimana. Questo rapido sviluppo rende l’implementazione e la scalabilità delle costruzioni a energia quasi zero più cruciale che mai.

Non è quindi uno shock che l’industria globale dell’edilizia energetica abbia guadagnato 896,6 milioni di dollari di fatturato solo nel 2018. Queste cifre potrebbero raggiungere i 2,1 miliardi di dollari entro il 2024 grazie alla crescente richiesta di ridurre le emissioni di gas serra e all’aumento del fabbisogno per la costruzione di nuovi edifici a energia quasi zero.

Cos’è un edificio a energia zero?

Ebbene, è un edificio con un consumo di energia pari a zero, il che significa che l’energia che consuma ogni anno è bilanciata dall’energia rinnovabile che crea. Le emissioni degli edifici si dividono in due categorie:

  1. Quelle legate all’uso quotidiano dell’energia come il riscaldamento, il raffreddamento e l’illuminazione (che insieme costituiscono il 28% delle emissioni globali di carbonio) e
  2. Quelle collegate al processo di costruzione e ai materiali utilizzati. Con l’11 per cento delle emissioni globali, il secondo comprende cose come il trasporto dei materiali da costruzione e il funzionamento dei macchinari per l’edilizia.

Questi edifici ad alta efficienza energetica sono spesso progettati utilizzando materiali riciclati e poi realizzati per utilizzare il minor consumo possibile di energia una volta operativi. Questo può essere fatto con tecnologie costruttive all’avanguardia come l’isolamento a schiuma spray, pompe di calore ad alta efficienza e finestre con tripli vetri. Una volta attivi, gli edifici a energia netta zero utilizzano tecnologie come i pannelli solari per generare energia verde per compensare l’energia ancora utilizzata dall’edificio.

Da un esperimento a una norma

progettazione “a energia quasi zero”

Uno dei primi edifici commerciali al mondo a energia quasi zero è stato l’Adam Joseph Lewis Center for Environmental Studies presso l’Oberlin College negli Stati Uniti, completato nel 2000. È stato costruito sia per ridurre al minimo l’energia utilizzata sia per produrre elettricità in loco attraverso pannelli solari. All’epoca era per lo più sperimentale e utilizzo come strumento di insegnamento. A marzo 2012, tuttavia, il numero di edifici commerciali negli Stati Uniti che garantivano gli standard dello zero netto era salito ad almeno 21.

Oggi, i governi di tutto il mondo stanno srotolando politiche per incentivare gli edifici a energia netta zero o quasi zero nell’edilizia. La Direttiva UE sul rendimento energetico nell’edilizia impone, ad esempio, che tutti i nuovi edifici devono essere edifici a energia quasi zero (NZEB) a partire dal 31 dicembre 2020. Un’indagine del 2018 ha mostrato che la metà delle organizzazioni intervistate in 20 Paesi sta pianificando almeno un edificio a energia netta zero nel prossimo decennio, e un altro 59 percento prevede di aumentare i propri investimenti nell’efficienza energetica. Ci sono buone ragioni per farlo: ogni dollaro speso per l’efficienza energetica rende 3 dollari nel tempo.

La diffusione globale della progettazione “a energia quasi zero”

La progettazione “a energia quasi zero” sta crescendo in termini di portata e di ambizione. Nel Regno Unito, il Beddington Zero Energy Development, o BedZED, è il più grande eco-villaggio del paese. Centinaia di metri di pannelli solari generano energia e innovazioni nei materiali da costruzione sostenibili, negli elettrodomestici a basso consumo energetico e nei giardini pensili per contribuire a contenere il consumo di energia. A Trondheim, in Norvegia, la Powerhouse Brattorkaia è un edificio per uffici di otto piani positivo dal punto di vista energetico che utilizza strategie come il riscaldamento intelligente e un sistema di refrigerazione con acqua di mare. L’azienda energetica statale indonesiana Pertamina sta costruendo quello che spera sarà il primo grattacielo a energia zero, la Pertamina Energy Tower, il cui completamento è previsto per il 2020.

Qual è il prossimo passo?

Una varietà di tendenze edilizie a impatto zero sta plasmando e perfezionando l’industria. Sta emergendo una serie di strumenti interessanti per aiutare a calcolare l’impronta di carbonio di un edificio in fase di progettazione, che possono essere integrati con il Building Information Modeling, o BIM, per quantificare l‘intera impronta di carbonio di un edificio dal concepimento alla demolizione. I materiali da costruzione eco-compatibili stanno innovando rapidamente, compresi gli isolamenti in schiuma spray, in modo che non fuoriesca calore, le porte intelligenti che ottimizzano l’apertura e la chiusura per risparmiare energia e le misure di conservazione dell’acqua, come i sistemi di raccolta dell’acqua piovana e i servizi igienici a basso flusso. Queste innovazioni dimostrano che questo è solo l’inizio.

Con il 98,4 per cento, il settore commerciale rappresenta la maggior parte del mercato dell’edilizia, anche se il settore residenziale è destinato a crescere.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *