L’acqua è la fonte di tutta la vita sulla Terra. È essenziale per la nostra salute, l’ambiente e l’economia. Tuttavia, data la sua importanza, l’acqua non è così abbondante come si potrebbe immaginare. Sebbene i corpi idrici coprano la maggior parte della superficie terrestre, solo l’1% è costituito da acqua dolce disponibile e sicura da bere.

Secondo l’UN-Water, circa 4 miliardi di persone, due terzi della popolazione mondiale, soffrono di una grave carenza d’acqua per almeno un mese all’anno.

La scarsità d’acqua non è un fenomeno esclusivo delle aree geografiche con clima secco. Anche nei Paesi con risorse idriche adeguate, la scarsità si verifica spesso a causa di infrastrutture rotte o scadenti, contaminazione, inquinamento o conflitti armati.

Tuttavia, una progettazione innovativa ed efficiente dal punto di vista idrico, indipendentemente dalla sua portata, può far risparmiare acqua e, quindi, salvare vite umane.

Di seguito sono riportati tre esempi di progetti architettonici efficienti dal punto di vista idrico che contribuiscono in modo significativo al benessere delle loro comunità e del nostro pianeta.

La Torre di Warka (Più sedi)

Circa 13.000 chilometri cubi di acqua sono sospesi come umidità nell’aria che ci circonda. In natura, molte specie di insetti e piante possono soddisfare il loro fabbisogno idrico dall’aria. Grazie al progetto «Torre di Warka «, anche alcune comunità rurali che non hanno accesso alle acque sotterranee possono ora farlo.

Sviluppata dall’architetto italiano Arturo Vittori, la torre di Warka  è alta circa dieci metri. Si tratta di una soluzione low-tech realizzata con materiali naturali che raccoglie l’acqua dall’atmosfera e la raccoglie nel suo corpo grassoccio che assomiglia a un vaso di fiori. Le Torri di Warka possono produrre fino a 100.000 litri di acqua all’anno.

«Oggi l’industria del design è sempre più segmentata tra diverse specialità». Vittori ha dichiarato a proposito della sua innovazione. «Dobbiamo smettere di pensare in termini di scala e iniziare a pensare in termini di soluzioni, formando team multidisciplinari».

Finora Vittori e i suoi colleghi hanno costruito 12 prototipi della Warka Tower in Etiopia, Haiti, Camerun, Togo e Italia.

Water Hall (Cambogia)

La Cambogia è tra i Paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici, con precipitazioni irregolari che già causano siccità e inondazioni. Molti villaggi si affidano a pozzi inquinati per l’approvvigionamento idrico.

Il villaggio di Sneung, situato nella provincia di Battambang, nella Cambogia settentrionale, non faceva eccezione fino a quando lo studio di architettura Orient Occident Atelier di Hong Kong non ha costruito il Water Hall nel villaggio.

Water Hall non è un normale pozzo di paese: questa struttura multifunzionale raccoglie l’acqua piovana, funge da centro civico per le riunioni della comunità e nel suo bacino è possibile conservare brocche riutilizzabili.

«Immagazzinando una serie di recipienti in ceramica nell’edificio, si incoraggia la gente del posto a smettere di usare bottiglie usa e getta per raccogliere l’acqua, mitigando i problemi di inquinamento ambientale causati dall’eccessivo utilizzo della plastica», ha dichiarato il cofondatore di Orient Occident Atelier, Magic Kwan, a Dezeen, che ha inserito il progetto nella lista dei vincitori di un premio di design per la categoria piccoli edifici nel 2020.

Arena di Bilbao (Spagna)

Nelle economie avanzate, fino al 60% dell’acqua dolce urbana viene utilizzata per i prati. Allo stesso modo, l’erba curata dei centri sportivi e dei campi da calcio richiede un’enorme quantità d’acqua per mantenere il suo colore verde brillante. Un campo in erba di dimensioni reali consuma fino a 100.000 litri d’acqua al giorno. Ma gli stadi di calcio potrebbero produrre la propria acqua per ridurre gli sprechi?

La Bilbao Arena, un grande complesso sportivo nei Paesi Baschi in Spagna, fornisce una risposta positiva a questa domanda. Costruita su un terreno collinare dagli architetti Javier Pérez Uribarri e Nicolás Espinosa Barrientos, la Bilbao Arena assomiglia a un enorme albero futuristico. Ha una facciata permeabile a forma di foglie in varie tonalità di verde.

Caratteristica non convenzionale per una struttura di questo tipo, il tetto dell’Arena di Bilbao vanta una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana che mitiga la necessità di impiegare acqua supplementare per il fabbisogno dell’arena.

Inoltre, le acque reflue provenienti dalle piscine del complesso vengono stoccate in un’innovativa cisterna nel seminterrato per essere utilizzate dal comune per pulire le strade di Bilbao.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *