La pandemia ha colpito in maniera devastante il settore del trasporto aereo. Nel 2020, le compagnie aeree hanno subito una perdita di 168 miliardi di dollari. Per fare un paragone, si tratta dell’equivalente del prodotto interno lordo dell’intera Grecia nello stesso anno.

Mentre permangono le incertezze sulla pandemia da COVID-19, grazie all’aumento dei tassi di immunizzazione a livello globale, milioni di cittadini, soprattutto nelle economie avanzate, hanno potuto ricominciare a viaggiare. Ciò significa che i viaggi aerei potrebbero avere una ripresa significativa in estate e nei prossimi anni. Secondo l’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo, il 2022 segna un aumento del 150% di passeggeri in più rispetto al 2021.

Sebbene la ripresa sia incompleta e disomogenea, e ulteriormente colpita dal rallentamento delle economie, il numero di viaggiatori aerei sembra essere in aumento nella maggior parte dei Paesi industrializzati. La crescita della domanda di voli è stata particolarmente forte in alcune regioni come quelle asiatiche. Paesi come Giappone, Hong Kong e Taiwan hanno, infatti, alleggerito le loro regole di frontiera a partire dalla fine del 2022. Analizziamo, quindi, le tendenze chiave che definiscono il settore del trasporto aereo.

1.   Viaggi aerei personalizzati

Grazie ai rapidi progressi della digitalizzazione, la personalizzazione è stata una tendenza importante in molti settori di consumo, e il trasporto aereo non fa eccezione.

«I passeggeri si aspettano un’esperienza di acquisto personalizzata e su misura, simile a quella che vivono online con i principali retailer», ha dichiarato a Skift Allison O’Neill, vicepresidente dei servizi ai passeggeri di SITA, fornitore di tecnologie informatiche per il settore del trasporto aereo.

La personalizzazione o la possibilità per i passeggeri di superare i controlli di sicurezza e salire a bordo degli aerei utilizzando soluzioni di accesso avanzate, sarà la chiave per guidare la fedeltà e la soddisfazione dei clienti nei viaggi aerei post-pandemia.

2.   Infrastruttura aeroportuale touch-free

«Non credo che dovremmo mai più stringerci la mano, ad essere onesti», ha dichiarato il dottor Anthony Fauci, immunologo della Casa Bianca, cogliendo l’essenza di una significativa trasformazione culturale provocata dalla pandemia, durante un podcast del Wall Street Journal.

Con l’accresciuta sensibilità e consapevolezza del pubblico sull’importanza dell’igiene delle mani, la domanda di prodotti touch-free come soluzioni di pagamento elettronici, porte automatiche o distributori elettronici non è mai stata così alta.

È possibile osservare l’affermarsi di questa tendenza negli aeroporti del futuro grazie al numero crescente di applicazioni di riconoscimento facciale, di soluzioni di accesso e sicurezza touch-free e di esperienze di viaggio digital-first.

Inoltre, soprattutto in considerazione della potenziale carenza di personale a seguito della ripresa del trasporto aereo, queste soluzioni di accesso digitale e touch-free aiutano a ottimizzare il flusso dei passeggeri, facendo risparmiare tempo e denaro agli aeroporti.

3.   I business travel si riprendono più lentamente

Mentre le riunioni di persona sono di nuovo all’ordine del giorno, secondo l’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo i viaggi d’affari potrebbero essere l’ultimo settore a riprendersi completamente dalla pandemia.

Nel tentativo di trarre vantaggio dai profitti, risparmiare tempo e raggiungere i propri obiettivi di sostenibilità, molte aziende stanno utilizzando strumenti di videoconferenza invece di organizzare eventi costosi e conferenze.

Nel settembre 2021, un sondaggio Bloomberg condotto su 45 grandi aziende di tutto il mondo ha rivelato che l’84% di esse prevede di spendere meno per i viaggi di lavoro nell’era post-pandemia.

4.   Lavorare, giocare, soggiornare: viaggi ibridi per decollare

A causa del declino dei viaggi d’affari, l’abitudine di riunirsi di persona potrebbe essere definitivamente abbandonata. Tuttavia, un nuovo segmento di viaggi è in crescita: grazie all’aumento del lavoro a distanza, un numero sempre maggiore di dirigenti può intraprendere viaggi multifunzionali.

«Per affari o per piacere?» è una domanda che non ha più una risposta diretta nell’era dei viaggi aerei post-pandemia.

A differenza dei tipici viaggiatori d’affari, che tendono a fare un viaggio breve e frenetico per lavoro e devono tornare in ufficio il lunedì, i viaggiatori ibridi possono godere del lusso della flessibilità. Pertanto, prediligono viaggi più lunghi e lenti e combinano interessi personali e professionali nelle loro destinazioni.

5.   I viaggi eco-compatibili sono la nuova norma

L’aviazione è la forma di trasporto a più alta intensità di carbonio. Anche se solo il 3% della popolazione mondiale vola regolarmente, il settore dei trasporti aerei è responsabile di circa il 5% del cambiamento climatico. Tuttavia, negli ultimi anni, sia i consumatori che i dirigenti del settore aereo si sono resi conto del pesante fardello ecologico del trasporto aereo.

«Non conosco un solo amministratore delegato che ritenga che la sostenibilità non stia tornando all’ordine del giorno come argomento critico», ha dichiarato Alex Dichter, Senior Partner di McKinsey specializzato nel settore dell’aviazione, in un episodio di The McKinsey Podcast.

A causa della pandemia, i viaggi aerei si sono fermati per un po’, aggiunge Dichter, ma fortunatamente questo non ha fermato l’innovazione nel campo della sostenibilità.
«La buona notizia è che coloro che operano all’innovazione tecnologica – lo sviluppo di carburanti sostenibili per l’aviazione, l’uso dell’idrogeno, l’elettrificazione e così via – hanno lavorato 24 ore su 24 e non si sono presi alcuna pausa».

Data l’impennata della domanda dei consumatori e la consapevolezza del settore, l’industria aeronautica è pronta ad arricchirsi di prodotti e servizi sempre più sostenibili.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *